Teofania del cestino

(Contra Severinum)

 
Non è mai pieno il piccolo cestino,
questo incommensurabile cratere.
E’ un pozzo senza fondo, un buco nero,
e niente sfugge al richiamo
della sua bocca muta,
alla sua inesorabile attrazione.

Quanti secoli e storia, quanta folla
di poeti e musici e profeti
viene sospinta qui, di-scaricata
su questi lidi – downloaded!

E quanto ho scritto in tutti questi anni!
Ma il destino, il cestino
è un miliardo di volte più capace
delle innumerevoli cartelle,
dei quaderni infiniti,
della biblioteca di Babele.

La Macchina non è che il tritacarte
d’ogni esistente, e tutto
è per lui, per il trashcan.
Le steli e le scritture d’ogni tempo
e ogni transeunte apparenza
(gli mp3, i filmati
i contatti e i pallidi avatar)
qui non hanno esistenza
che per la loro unica e inflessibile
vocazione: di essere inghiottiti
dal divino immutabile Cestino.

4 commenti su “Teofania del cestino

  1. Che dire? È la vita!.. commenterebbero al bar giocando a scopa.
    Sì siamo tutti destinati al Cestino. Cestinati per destino.
    Anche se talvolta qualche cosa riemerge e ci sorprende, o resiste in luce un po’ più a lungo. Magari per sbadataggine.

    (forse non avresti scritto questa poesia, se non ti fossi sentito sull’orlo del cratere, tu e i tuoi archivi…)

  2. Divertente e inquietante. Argomentazioni telogiche credibili.
    In effetti l’unico contenitore ineliminabile è il cestino.
    naima

  3. E’ vero, Anna: qualcosa riemerge. C’è speranza, finché il cestino non sarà svuotato.

    Infatti, Naima, il mio è un discorso rigorosamente teologico.

    Io mi sono in gran parte cestinato, Grazia. Qui siamo già dentro il cestino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *