l’origine del Canzoniere


“Parlami”, lei diceva. “Non toccarmi,
ancora”. E dopo avermi accarezzato,
un po’ pietosi e un poco divertiti,
i suoi occhi pazzi
s’erano spiccati da ogni cosa,
in voli divergenti, come a
cercare e accogliere più spazio.

Magari stava solo
guardandosi le unghie,
mentre si stiracchiava
per uggia o desiderio. “Non toccarmi,
parlami, prima.”

Ma io volevo solo
baciarla, poiché tutte le parole,
fuorché il suo nome, eran fuggite via
come sciame d’uccelli.
Solo dopo, a lungo, le parlavo
tra i capelli odorosi. E lei dormiva.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *