ritorno


Com’è triste, difficile il ritorno
e irreale ed estranea questa casa.
Niente qui mi appartiene fuorché questa
testimonianza, effigie di un incontro
forse solo sognato.

Forse domani anch’io saprò vedere
i belvedere, i luoghi, le contrade
dove conduco chi mi vi conduce.
Però non saprò mai dove si vada,
altri l’avrà saputo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *