21 novembri, festa d’a Maronna d’a Saluti

Certi voti mi pari, quannu scrivu,
d’essiri ‘un vecchiu strammu
chi parra sulu e sulu s’arrispunni.
Chi campani, chi scrusciu ca mi fannu
sti palori! Chi orchestra ch’haiu ‘n testa!
Chi tribbunali e iudici e avvucati!
Ma nun c’è nuddu ccà, fora di mia
e stu surdinu… Cu’ mi murmurìa?
A me imputata e iudici, ccussà,
passia ppi Vinezzia. ‘N cumpagnia
si sta gudennu stu jornu di festa.

Ma chi ci vinni a fari nni stu munnu
disertu, appressu a sti donnaprìciti?
E pirchì restu ccà, ora ca sacciu
parrari comu me matri mi fici?
Comu si nni mancassiru maronni
miraculusi, e babbi com’a mia,
nni du strazzu ‘i paisi! All’urtimata,
mi fazzu ‘a  cruci, e sai chi ti dicu?
Ti lassu stu caternu, pigghiu ‘u trenu
e mi cercu ddagghiusu ‘n’autra amica.

Un commento su “21 novembri, festa d’a Maronna d’a Saluti

  1. 21 NOVEMBRE, FESTA DELLA MADONNA DELLA SALUTE

    Certe volte mi pare, mentre scrivo,
    d’essere un vecchio strampalato
    che parla e si risponde da sé solo.
    Che scampanio, che varietà di suoni
    fan le parole in testa! Quale orchestra!
    Che tribunali e giudici e avvocati!
    Ma qui non c’è nessuno, oltre me stesso
    e l’ acufene… Chi mormora a mio danno?
    L’imputata e accusatrice mia, chissà,
    va in giro per Venezia. In compagnia
    sta godendosi questo giorno di festa.

    Ma che ci venni a fare in questo mondo
    deserto, dietro a queste attaccabrighe?
    E perché resto ancora, ora che so
    parlare come m’insegnò mia madre?
    Come ci fosse penuria di madonne
    miracolose, e sciocchi del mio stampo,
    in quello straccio di paese! Alla fine,
    fattami la croce, sai che ti dico?
    Ti lascio ‘sto quaderno, prendo il treno
    e mi cerco laggiù una nuova amica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *