U tabbilettu

Chi fici, si scunzau lu tabbilettu?
Toccu di cca e di dda cu tutti ‘i rita
e iddu nun s’adduna, nun rispunni,
comu ‘a fimmina chi nun avi vogghia.
L’allisciu ruci ruci ê canni canni,
ci sciusciu ppi nittàllu ‘u pruvulazzu
e iddu nenti, mutu, addurmisciutu.
Chi mi nni fazzu di un surdu chi ‘un senti,
dâ pinna ca nun scrivi e nun si svogghia?
Cussì puru tantìa ‘a fantasia
o scuru ppi truvari lustru e scopu
ni li palori chi mi fannu fudda
e nun parranu cchiù. Vulissi puru
sùsimi dû divanu, ma ‘un ‘u fazzu
picchì di cca ad a cammara unni leggiu
pirdissi li palori tutti pari,
ca sugnu svarvulatu e senziulèggiu.
Ma eccu, quannu pensu di jiccàllu
du barcuni, ppi fracassàcci tutti
li varvuli, miraculu!, ripigghia
a picchiuliàri e a stizzïàri littri
a una a una, senza prescia e alleggiu.
Pari c’avissi arrera l’intinzioni,
ma uora s’ammusciò l’ispirazzioni.

 

Traruzzioni di corchi palora

si scunzau: 
si è rotto
tabbilettu: tablet (neologismo)
rita: dita
nun s’adduna: non se ne accorge
ruci ruci: dolce, dolcemente
e canni canni: ai lati, “torno torno”
ci sciusciu: ci soffio sopra
pruvulazzu: polvere
nun si svogghia: non si sveglia. Svogghiàrisi vuol dire anche avere un’erezione
tantìa: tocca di qua e di là
fannu fudda: si affollano
di cca ad ad cammara unni leggiu: da qui alla stanza dove leggo
palori: parole
tutti pari: tutte quante
svarvulatu: svalvolato
senziulèggiu: testa leggera. Detto di chi ha la testa tra le nuvole
jiccàllu: buttarlo
varvuli: valvole
picchiuliàri: pigolare (in questo caso, fare bip-bip)
stizziàri littri: gocciare lettere
alleggiu: lentamente, senza fretta
arrera: dietro, indietro. In alcune locuzioni con significato di ancora, di nuovo

7 commenti su “U tabbilettu

  1. Che sarà, mi s’è scassato il tablet?
    Lo vado tastando con le dita
    ma resta inerte, manco mi risponde
    come una donna quando non ha voglia.
    Lo accarezzo sui fianchi dolcemente,
    gli soffio via la polvere d’intorno
    e quello niente, muto, addormentato.
    Che me ne faccio d’un coso che non sente,
    d’una penna moscia che non scrive?
    Anche la fantasia così s’è spenta
    e ora a tentoni cerca nello scuro
    qualche lume di senso nella ressa
    di parole che non parlano più.
    Vorrei alzarmi dal divano, ma forse
    da qui a quell’altra stanza perderei
    per strada le parole, essendo anch’io
    svalvolato, e stordito già di mio.
    Ma proprio mentre penso di buttarlo
    dal balcone e fracassargli il resto
    dei congegni, miracolo, riprende
    a pigolare e lemme lemme senza fretta
    a una a una mi gocciola le lettere.
    Gli son tornati i sensi e l’intenzione
    ma si è ammosciata a me l’ispirazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *