‘U specchiu

Siddu aviti mimoria di stu munnu,
o vui biati chi ppi mia prijati,
ti l’arricordi, o santa ze’ Santina,
ddu specchiu ranni ranni, griciu e nfuscu,
ncapu a dd’enormi cantaranu scuru?
Iu, nicu comu ‘a bambula assittata
cu ‘i jammi e ‘i vrazzi aperti supra ô lettu,
avia acchianari ncapu di ‘n siggiuni
ppi taliari a me facci nti ddu margiu
nigghiusu. Fusti tu – ti ni pintisti? –
a mannàlli a iccari nnô vadduni,
e specchiu e cantaranu e ‘i sei casciuni.

Era vecchiu, dicisti, era ciaccatu,
e ci putia trasìri nnê ciacazzi
surci e scravagghi. Ma chi ti custava,
nveci di pavari ‘i dui vastasi,
cu quattru sordi a farilu cunzari?
Ca uora fussi un preju dî niputi,
ddu munumerntu di lignu sculpitu
tuttu disigni e ntarsi, cu ddi peri
a granfi di nun sacciu cchiù chi armali.

Ah, si l’avissi uora nnâ me casa,
mpinnutu nnâ me cammara di lettu,
ddu specchiu chinu d’ummira e di fati
cu ‘i pampini di ruvu ntornu ntornu,
ddu lacu cu li cannari, ddu cielo
innarìnu, ddu màrmuru granfiatu,
ppi nun vidiri cchiù ogni matina
sta facci d’arculocchiu spinnizzatu.

Un commento su “‘U specchiu

  1. Se avete memoria di questo mondo,
    o voi beati che per me pregate,
    te lo ricordi, o santa zia Santina,
    quel grandissimo specchio grigio e opaco
    sopra l’enorme canterano scuro?
    Io, piccolo come la bambola seduta
    a gambe e braccia aperte sopra il letto,
    dovevo salire sopra un’alta sedia
    per vedermi la faccia in quello stagno
    appannato. Fosti tu – ne sei pentita? –
    a mandarli a buttare nel vallone,
    e specchio e canterano e i sei cassetti.

    Era vecchio, dicesti, tutto crepe,
    e in quelle potevano introdursi
    topi e blatte – Ma, invece di pagare
    i due facchini, cosa ti costava
    con quattro lire farlo restaurare?
    Farebbe ora la gioia dei tuoi nipoti,
    quel monumento di legno scolpito
    tutto a disegni e intarsi, con quei piedi
    a zampa non so più di che animale .

    Ah, potessi ora averlo a casa mia,
    appeso nella camera da letto,
    quello specchio pieno d’ombre e di fate
    incorniciato da tralci di rovo,
    quel lago tra canneti, quel brumoso
    cielo di gennaio, quel marmo graffiato,
    per non vedere più ogni mattina
    ‘sta faccia di aquilotto spennacchiato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *