‘A Maronna!

Si l’occhi da nnuccenza nun si mpànnanu
comu li mei, nurbati di li libri,
certu ca si nni vidinu purtenti!
Ppi dìrivi di quanti ci nni sunnu
chi la filusufia nun si li nsonna,
me matri, l’autra està, vitti a Maronna.
Vi lu cuntu ppi comu lu cuntau,
cu li palori soi. Com’idda dici,
nun ci nni levu e ‘un ci nni junciu nenti.
Tri voti mi la dissi sta mpapocchia,
e l’urtima ô telefunu, avantieri.
Comu l’haiu a ridùciri sta vecchia
chi mi stravìa lu sangu e li pinseri?

M’hai a crìriri, figghiu, nun pinsari
ch’haiu pirdutu ‘u senziu e ‘i sintimenti:
‘u paradisu c’è’, nn’haiu li provi,
ci àbbita ‘u Patri Ranni, lu Signuri
e tutta a so famigghia. Ora ti cuntu,
e tinta iu si cuntu ‘na minzogna.
Ti l’haiu già cuntatu e lu ricuntu:
era idda, ti dicu, era ‘a Maronna.

Avia jutu, ppi comi fazzu sempri
ogni veniri, luni e martidì,
nni lu dutturi, ca comu tu sai
‘un haiu abbentu mai di li duluri;
e alli voti mi disìu ‘a morti
comu fussi ‘a saluti. Avia scinnutu
a’ scala, maliditti ddi scaluni,
ca nun ci funziunava l’ascinsuri;
e mancu avia nisciutu dû purtuni,
mi cumpariu davanti ‘na signura.
Giuvini, auta. Ma, chi t’haiu a diri?,
cu dda vistina longa, e di trasattu,
mi pirduna ‘u signuri lu piccatu,
m’avia parutu ‘na limosinanti,
‘na zanni chi nzirtava la vintura;
ma susìu l’occhi e… figghiu miu, era biunna,
bedda di ‘na biddizza chi a stu munnu
nun ci n’è aguali: janca comu latti,
ccu na vucca chi mancu li pitturi;
e du’ occhi cilestri chi davveru
avia scinnutu, iu dicu, di lu cielu.

Dda vistina! Era azzola, e a stiddi stiddi,
di sita, mi paria, ma li so peri
eranu scausi, o fòrsichi quasava
dui pianelli di pezza, du’ tappini.
Ma cu’ è, cu’ nun è, e d’unni vinni,
cu’ la manna, chi vo’, dissi ntra mia,
ntampanata cchiù assà di comu sugnu.
Criu chi passaru cincu, sei minuti,
mentri chi mi taliava e surridia.
Idda taliava a mia e iu ad idda
cu a facci a l’aria comu ‘na nvasata;
ca iu sugnu vecchia, bascia e immuruta
e idda, ‘n facci a mia, era ‘n’antinna.
Poi mi parrau e dissi: “‘gnura mia,
nun si scantassi, ca ci vogghiu sulu
nzirtari chi vossia avi tri figghi
fimmini e unu masculu, e li fimmini
funnu vattiati cu lu nomu miu;
veni a diri, si chiamanu Maria”.
Mi nzirtau puru a tia: “un figghiu masculu,
mi dissi, chi junciutu a li Marii
fannu quattru, e di quattru sulu una
l’avi vicinu, causa chi è malata,
svinturata e struppiata ppi natura”.
Capisci figghiu miu? Idda sapia
nomi, vintura e tutti la pianeta.
Ma mi dissi di nun mi scunfurtari,
di prijari, e mi desi ppi cunsigna
‘na figuredda di santa Lucia.
“Haiu a fari ‘n’offerta, signurina?”,
iu ci spiai. E idda: comu voli
lu so bon cori”. E iu circai du’ spicci
nnâ bursittedda, e comu ci ‘i pruìu,
ah chi surrisu ruci chi mi fici!
Dissi macari ca li guai passati
passaru, e chi nun l’haiu cchiù a passari;
ch’all’autra vita ncurtu di rivari
nn’haiu, a la ntirrugata, di cuntari!
Però l’urtima cosa ca mi dissi,
e chistu ‘un  sacciu si è binidizioni,
fu chi campu e nun moru ppiccamora.
Crìdimi, figghiu miu, era propriu idda,
haiu ancora ppi nzinga ‘a figuredda.

Ridi? Un ci crii? Ma comu addivintasti,
tu, addivatu di mia, accussì ebbreu,
ca si pigghi ‘u telefunu ‘i duminica
ti ngrancanu li manu! Tintu, ereticu,
ti scurdasti a to matri e puru a Diu!
Iu pensu ca si sequiti ssa strata,
ti trovi a mala via, luntanu ‘i mia,
senza spiranza né binidizioni.
Pèntiti, figghiu prodigu e giudeu,
ca ‘u Signuri tri voti tuppulia.
E si ‘un ti voi pintìri, ti dispenzu
di trasiri nnâ  chiesa quannu moru.
… Comu, nun sai chi tutti li tri soru
eppiru un patri sulu ma dui nomi,
dui matri, una ‘n terra e l’autra ‘n cielu,
e tutti tri si chiamanu Maria?

Un commento su “‘A Maronna!

  1. LA MADONNA!

    Se gli occhi innocenti non s’offuscano
    come i mei, accecati dai libri,
    certo che se ne vedono prodigi!
    Tanto per dirvi quanti ce ne sono
    che la filosofia non se li sogna,
    mia madre, un giorno, vide la Madonna.
    Ve lo racconto come lo narra lei,
    con le parole sue. Come lei dice,
    senza nulla togliere né aggiungere.
    Tre volte m’affabulò questa sua storia,
    e l’ultima al telefono, avantieri.
    E che posso farci a questa vecchia
    che mi scompiglia il sangue ed i pensieri?

    Devi credermi, figlio, non pensare
    ch’abbia perduto il mio discernimento:
    il paradiso esiste, ne ho le prove,
    vi risiede il Signore, il Padre Grande
    con la sua famiglia. Te lo racconto,
    e cattiva sarei a dirti una bugia.
    Già te l’ho detto e te lo torno a dire:
    era lei, ti assicuro, la Madonna.

    Ero andata, come faccio sempre
    ogni venerdì, lunedì e martedì,
    dal dottore, perché come tu sai,
    i miei dolori non mi danno requie;
    tanto che a volte m’auguro la morte
    come guarigione. Dunque, ero scesa
    per le scale, maledetti quei gradini,
    che era guasto quel giorno l’ascensore;
    e non appena uscita dal portone,
    mi si parò davanti una signora.
    Giovane, alta. Ma, che ti devo dire?,
    con quella gonna lunga, lì per lì,
    mi perdoni il peccato il buon Signore,
    l’ho scambiata per una mendicante,
    una zingara che dice la sorte;
    poi alzai gli occhi e… figlio mio, era bionda,
    bella d’una bellezza che nel mondo
    non la ritrovi: bianca come il latte,
    con una bocca quale non la vedi
    nemmeno nei dipinti dei pittori;
    e degli occhi celesti che davvero
    non poteva esser scesa che dal cielo.

    E la veste! Era azzurra, tutta a stelle,
    di seta, mi pareva, ma i suoi piedi
    erano scalzi, o può darsi calzasse
    due pianelle di stoffa, due babbucce.
    Ma chi è, chi non è, di dove viene.
    chi la manda, che vuole, mi dicevo,
    istupidita più di quel che sono.
    Sono rimasta a rimirarla, credo,
    per cinque, sei minuti, e sorrideva.
    Lei mi fissava ed io fissavo lei
    a naso in sù come chi ha una visione;
    ché io sono vecchia, bassa e ringobbita,
    e lei, rispetto a me, era un’antenna.
    Poi mi parlò, e disse: “signora mia,
    non si spaventi, le voglio soltanto
    indovinare i figli, che lei ne ha tre
    femmine e un maschio, e le femmine
    ebbero al battesimo il mio nome;
    e tutte e tre si chiamano Maria”.
    Anche te indovinò: “un figlio maschio,
    mi disse, che sommato alle Marie
    fan quattro figli, e di questi solo una
    sta con lei, per il fatto ch’è malata,
    sfortunata e storpia per natura”.
    Capisci figlio mio? Lei conosceva
    nomi, venture e oroscopo completo.
    Mi disse che non devo scoraggiarmi,
    ma pregare, e mi mise tra le mani
    l’immaginetta di santa Lucia.
    “Devo farle un’offerta, signorina?”.
    le domandai. E lei: “come le detta
    il suo buon cuore”. Cercai in borsetta
    qualche spicciolo, e quando glielo diedi,
    ah che sorriso dolce che mi fece!
    Disse inoltre che i tanti guai passati
    sono passati, e non han da passare;
    che nell’altra vita cui poco mi manca
    ne avrò, se interrogata, da contare!
    Però l’ultima cosa che mi disse,
    e chi lo sa se è una benedizione,
    fu che vivrò e che non muoio per ora.
    Credimi, figlio mio, era davvero lei,
    come segno ho quel santino ancora.

    Ridi? Non ci credi? Ma com’e è stato
    che, allevato da me, sei diventato
    così ebreo che a prendere il telefono
    di domenica pare che le mani
    ti si aggranchino! Eretico, cattivo,
    hai scordato tua madre e pure Dio!
    Seguitando così per questa strada,
    finirai al mal passo, lontano da me,
    senza speranza né benedizioni.
    Pentiti, figliolo prodigo e giudeo,
    ché il Signore tre volte solo bussa.
    E se non vuoi pentirti, ti dispenso
    dal venire poi in chiesa quando muoio.
    … Come, non sapevi che le tue sorelle
    ebbero un solo padre ma due nomi,
    due madri, una in terra e l’altra in cielo,
    e che tutte e tre si chiamano Maria?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *