A ‘na latra

Macari tu, quannu ‘un ci sì, diventi
‘na fantàsima, o ‘na fantasia,
comu tutta ‘a me vita sbalistrata.
Poi torni e iu mi mpidugghiu ‘n’atra vota
nnâ to puria, ca forsi ti cunfunnu,
rintra di mia e nnê me’ sonni strammi,
ccu me matri: sia dittu ccu rispettu,
ca tu ‘un ci nn’hai ‘na scarda, comu idda
nenti avi di tia.

Tutta ‘a so vita idda ‘a spinniu a dari
e tu a pigghiari. M’arrubbasti puru
tanti vecchi mbarazzi mmunziddati
‘n suffitta comu sterru,
ch’iu mancu cchiù sapia
chi usu avianu e comu si chiamavanu.
Apparasti a to casa, mogghi mia,
ccu le me’ antichitati, ccu ‘a me storia.
Ma di chiustu ti fazzu lu ringrazziu,
latra di lu me cori, vinizziana
chi nun si autru, mia secunna matri:
d’avirimi nsignatu arreri ‘i nomi
scurdati: lu cafisu, li rituni,
‘a mutura, ‘a tauggia, ‘a minzalora,
‘a burnia, ‘a statia, ‘i fanguttuni,
cunculini, cannati, scarfaturi…

Iu ti putissi fari lu vintariu
filu ppi filu di soccu era miu,
senza mettiri ‘n cuntu cugninturi
e anni persi e spisatu e puru a tia.
Ma ‘un vogghiu nenti, ammaràzzati tu
casa e pagghiaru, ca iu mi tegnu, e abbàstanu,
l’amuri scunfurtatu e li palori.

Un commento su “A ‘na latra

  1. A UNA LADRA

    Quando non ci sei, diventi anche tu
    un fantasma, o una fantasia,
    come questa mia vita scombinata.
    Poi torni, e m’impiglio un’altra volta
    nella tua gonna, ché forse ti confondo
    dentro me e nei miei sogni strani,
    con mia madre; sia detto con rispetto,
    ché tu non le somigli affatto, e lei
    non ha niente di te.

    La vita intera lei l’ha spesa a dare
    e tu a prendere, invece. Mi rubasti
    anche certi ingombri ammucchiati
    nella soffitta come rovinacci,
    di cui nemmeno più sapevo
    l’uso e neanche il nome.
    Ti arredasti la casa, moglie mia,
    con le mie antichità, con la mia storia.
    Ma di una cosa ti sono molto grato,
    ladra del mio cuore, veneziana
    che non sei altro, mia seconda madre:
    di avermi insegnato daccapo i nomi
    dimenticati: il cafisu, i rituni,
    la mutura, la tauggia, la minzalora,
    la burnia, la statia, i fanguttuni,
    cunculini, cannati, scarfaturi…

    Ti potrei fare l’inventario
    filo per filo di ciò che era mio,
    senza mettere in conto le occasioni,
    gli anni persi, le spese, e te per giunta.
    Ma non voglio niente, tu stìpati pure
    la casa e il pagliaio d’ingombri,
    io mi tengo, e mi bastano,
    l’amore sconfortato e le parole.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *