Sfardu di cirbeddu

Me matri dici ca sugnu struitu,
chi parru comu un judici e un parrinu.
E chistu pr’idda è un veru cumplimentu.
Ma si mi vidi leggiri cocchi ura,
di doppupranzu, s’abbutta, diventa
scuntenta, comu si stassi facennu
‘na cosa stramma, o dannu a quarcunu.
Ci spiu chi avi e idda mi tistìa,
dici c’a scola sirviu picca e nenti,
chi ‘un sugnu né dutturi né avvucatu,
e nenti, nsumma, haiu cunchiudutu
cu sti libri e caterni e calamari.
Chi n’haiu a fari di stu travagghiari
chi ‘un duna fruttu, di sti astrusirìi
chi mi scummattinu l’arma e lu cori?
A cu’ servi sta fami e sta ricchizza
di palori stampati ncapu fogghi
chi ‘u tempu sfogghia è strazza? Ah, beatidda!
Si cridi ca mi stancu, e ca ci appizzu
l’occhi e ddi pocu jorna di vacanza.
Nun ti sfardari, dici, lu cirbeddu!

Chista è saggizza, chista è veru scienza
di l’avuli, chi criunu ca ‘u senziu
comu sapuni ncapu la balata
supra la canuscenza si macedda.
‘U cirbeddu è priziusu, è dilicatu,
si sfarda, e comu ‘i l’ogghiu dâ quartara
n’avemu a fari giusta canumia.
Sapissi, cara matri giudiziusa,
comu sparagnu tuttu, iu di mia,
comu fuìu vacanti lu me tempu,
com’appizzaiu tutti ‘i me’ talenti
ppi pinsàrila propiu com’a tia!

Un commento su “Sfardu di cirbeddu

  1. SCIUPIO DI CERVELLO

    Mia madre dice che sono istruito,
    che parlo come un giudice o un curato.
    Il che per lei è uno schietto complimento.
    Ma se mi vede leggere qualche ora
    dopopranzo, si rabbuia impaziente,
    pare scontenta, come se facessi
    una stramberia, o del male a qualcuno.
    Se le chiedo cos’abbia, scuote il capo,
    dice che non servì a un granché la scuola,
    ch’io non sono dottore né avvocato,
    e insomma non ho poi concluso niente
    con questi libri e quaderni e calamai.
    A che mi vale questo lavorare
    che non dà frutto, queste astruserie
    che squietano sia l’anima che il cuore?
    A chi serve questa brama e abbondanza
    di parole stampate sopra fogli
    che il tempo poi strappa e sfoglia? Beata lei!
    Crede ch’io mi stanchi, che mi sciupi
    la vista e i pochi giorni di vacanza.
    Non consumare, dice, il tuo cervello.

    Questa è saggezza, questa vera scienza

    degli avi, secondo cui l’intendimento
    come sapone sul duro della pietra
    si va sciupando sulla conoscenza.
    Il cervello è prezioso, delicato,
    si consuma, come l’olio della giara
    va utilizzato con giusta economia.
    Sapessi, cara madre giudiziosa,
    come risparmio tutto, io, di me stesso,
    come è trascorso vuoto il tempo mio,
    come ho sprecato tutti i miei talenti
    per pensarla proprio al modo tuo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *