A turtura nnamurata

Avi dui suli noti
‘a turtura, e ‘i ripeti
di l’arba finu a sira.
Ci ni voli pacenza!
E sapi fari un versu
di dui sillabi e menza,
esattu com’ô pennulu
di lu riloggiu, e sparti
sempri a rima vasata.

Rici chi ‘un è sugghiuzzu
di chiantu, ‘un è lamentu
lastimusu, ma è un chiamu
d’amuri, è sirinata.
Acedda fantasiusa,
maliditta aciddazza!
Pari chi ci esci l’arma
ripitennuci iu t’aaaa-mu
finu a l’urtimu ciatu.
Si ‘un fussi chi odiu a caccia,
iu ci sparassi, ad idda
e a tutti i nnamurati.

4 commenti su “A turtura nnamurata

  1. (Nuova versione)

    Soltanto due note sa
    la tortora, e le rifà
    dall’alba fino a sera.
    Ce ne vuole pazienza!
    Sa modulare un verso
    di due sillabe e mezza,
    esatto come il pendolo
    d’un orologio, e pure
    sempre a rima baciata.

    Non è, dice, singhiozzo
    di pianto, né lamento
    d’afflizione: è un richiamo
    d’amore, è serenata.
    Uccella strampalata,
    maledetta uccellaccia!
    Canta, le esce l’anima
    ripetendo Tu e amo -tuu
    fino all’ultimo fiato.
    Non odiassi la caccia
    io l’impallinerei, lei
    e le altre innamorate.

  2. Mascula è a torturedda chi canta. A fimmina u scuta e ‘ncorchi vota si lassa cumminciri, ‘un si sapi si picchì lu voli fari taciri, o picchì ci piaci o macari ci pari c’havi ciatu e bona saluti e po essiri c’arrinesci patri ‘i figghi masculi.

    Mi pirdunassi, cumpà, sta lingua bastarda. Nsaju, ma ‘un è facili…
    (Complimenti, amico: sempre meglio)

  3. Cumpà, ppa lingua poi dumannari na consulenza â mia traruttrici. Ma a mia chiddu ca tu scrivi mi pari asattu. ‘Ncapu ô sessu da turtura secunnu mia ti sbagghi. Na fimminia ha da essiri chidda chi fa ddu chiamu fastidiusu.
    Grazi assai du cumplimentu.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *