A vuci dâ poisia

Rici chi ora iu m’avissi a nzignari
a scriviri e parrari ‘u miricanu,
picchì nun sugnu un littiratu veru
s’iddu in tuscanu iu sequitu a pinsari
e a sunnàrimi sonni in sicilianu.
Si ‘u voi sapiri, iu nsaju di liggìri
pueti ngrisi, francisi e ostreci
nta lingua so, cu a traruzzioni ‘n facci
chi accumogghiu e scumogghiu cu la manu.
Sì, leggiu corchi libru chi m’accattu
ncapu Amazòn, e dopu, stinnicchiatu
ntô divanu, mi vaiu prumuniannu
palori cchiù luntani di luntanu.
E vaiu tambasiannu munni munni
cu nteppriti saputi e fausi amichi,
e ogni tantu, nzirragghiànnu l’occhi,
mpinci e nzerta lu cori unni ‘u sapiri
trova lavanchi nivuri e sciddìchi:
a paggina s’adduma e di trasattu
capisciu lu poeta socchi rici,
picchì dda vuci canta e mummurìa
cû ‘a stissa vuci ruci di me matri.

2 commenti su “A vuci dâ poisia

  1. Sarebbe ora, dici, ch’io imparassi
    a scrivere e parlare americano,
    che non sono un vero intellettuale
    se m’attardo a ragionare in toscano
    e a sognare i miei sogni in siciliano.
    In verità io mi ci misi a leggere
    poeti inglesi, francesi ed ostrogoti
    in lingua originale, col testo a fronte
    che scopro e poi ricopro con la mano.
    Sì, leggo qualche libro che acquisto
    da Amazon, e dopo, steso lungo
    sul divano, vado rimormorando
    parole remote più di ogni distanza.
    E vi rigiro e bighellono intorno
    con interpreti noti e falsi amici,
    e ogni tanto, se chiudo bene gli occhi,
    ecco che indugia il cuore ed indovina
    là dove il sapere incontra impervi
    calanchi oscuri e scivolosi:
    s’illumina la pagina, e d’un tratto
    capisco il poeta quel che dice,
    ché canta e sussurra la sua voce
    con la voce dolce di mia madre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *