Abballaccullùmmira

“È ‘n’abballaccullùmmira”, dicia
‘n amicu miu, rausanu o modicanu,
parrannu di ‘na zita chi l’avia
lassatu. Vulia diri chi dda fimmina
comu vistiti cangiava pinïoni
e amanti, o forsi chi nn’avia cchiù d’unu.
Nun mi nni fazzu gabbu, ca puru iu,
si mi ncagghiava, quann’eru carusu,
‘un ci spiavu ‘u nomu a ddù pirtusu.
Ma ‘un è chista ‘a caciuni ca li fimmini
m’hannu chiamatu sempri bannilora:
jè ca iu amu sulu a ccu nun c’è,
e parru e ballu, comu dda signura,
ccu l’ummiri, chi ‘un hannu facci e nomu,
e chi a li voti sunu cchiù ncustanti
di ‘na fimmina bedda, o di l’omu.

Hannu tanti virtù, l’ummiri amichi:
nun ti svotanu ‘a casa, ‘un arrizzettanu,
nun si tinginu l’ugna ppi uri e uri,
nun fannu vuci. Sunu silinziusi
ma parranu, a li voti, e ti la mbrogghianu
comu voi tu; e si li voi pigghiari,
accidiri, strazzari, ‘un ‘u poi fari.
A modu so, ti restanu fideli,
si dormunu ccu tia e s’arrisbigghianu
comu tu rapi l’occhi; e si spiriscinu,
sai chi si ‘un su’ davanti su’ darreri.
Pirchissu, quannu sugnu nnamuratu,
iu l’alluntanu li me’ maliamati:
ppi falli addivintari ummiri d’iddi
e ‘un ‘i perdiri cchiui. Li pozzu amari,
amàrini una sula o ‘na gran fudda,
senza tradiri e jessiri traditu.

Certi ummiri però sunu ziccusi:
ô cuntrariu di l’ummiredda tova,
nun s’astutanu quannu stuti ‘a luci.
Anzi, a lu scuru sunu cchiù prisenti
e ci piaci strubbàriti li sonni.
E quannu ‘a sira torni ad a to casa,
pigghianu ‘a forma di soccu nun trovi:
su’ ‘na seggia vacanti, ddu divanu
disertu, o ‘u fattu chi nun veni mai
l’ura ca veni chidda chi nun torna.
A cchiù mprisusa è dda magara ch’abbita
nnâ cammara unni dormi, e ‘un si ci scodda:
è ‘nu strazzu ciarusu nnô casciuni,
‘u cuscinu ‘i superchiu ncapu ‘u lettu,
dui tappini a nu gnuni ncutti ncutti.
Ti talii allura ô specchiu e idda ti dici
fastidïata e senza nudda vuci:
“fatti ssa barba”. E poi, vilinusa,
comu ‘na vota ti percia lu cori
ccu ‘na frasa accussì duci e amurusa
chi si l’hai tisa t’addiventa modda:
“È curpa tova”, dici, “ssu scunfortu
e ssu sdilliriu, ca di tanti pira
ti resta sulu scorci e piricudda.”

2 commenti su “Abballaccullùmmira

  1. “È un’ abballacullùmmira” – balla
    con l’ombra sempre mobile – diceva
    un amico, di Modica o Ragusa,
    parlando d’una che l’aveva lasciato.
    Voleva dire che quella sua donna
    cambiava come fossero vestiti
    sia opinione che amanti, o anche
    forse che ne aveva tanti.
    Non mi sorprende, ché da ragazzo
    anch’io all’occasione
    non chiedevo che nome avesse a un buco.
    Ma non è per questo che le donne
    m’hanno sempre chiamato banderuola:
    è che io amo soltanto chi non c’è,
    e, proprio come quella, parlo e ballo
    con le ombre, che non han faccia e nome,
    e che a volte sono più incostanti
    di una bella donna, o dell’uomo.

    Hanno tante virtù, le ombre amiche:
    non ti rivoltano casa, non fan ordine,
    non stanno ore a tingersi le unghie,
    non van vociando. Sono silenziose
    ma parlano, a volte, e te la girano
    come vuoi tu; e se le vuoi afferrare,
    uccidere, fare a pezzi, non puoi farlo.
    A modo loro, ti restano fedeli,
    s’addormentano con te e si svegliano
    appena riapri gli occhi; e se spariscono,
    sai che se non le hai davanti sono dietro.
    Per questo, quando sono innamorato,
    le allontano le mie maleamate:
    per farle diventare le ombre loro
    e non perderle più. Le posso amare,
    amarne una soltanto oppure mille,
    senza tradire ed essere tradito.

    Certe ombre però sono vischiose:
    al contrario della tua misera ombra,
    non si spengono se spegni la luce.
    Anzi nel buio sono più presenti
    e piace loro scompigliarti i sogni.
    E quando poi la sera torni a casa,
    prendon la forma di ciò che ti manca:
    sono una sedia vuota, quel divano
    deserto, o il fatto che mai viene
    l’ora in cui viene quella che non torna.
    La più insistente è la strega che alberga
    là dove dormi, e non se ne distacca:
    è uno cencio profumato nel cassetto,
    un cuscino di troppo sopra il letto,
    le pianelle in un canto bene accoste.
    Ti guardi nello specchio, e lei ti dice
    seccata con voce senza suono:
    “e fatti questa barba”. E poi, velenosa,
    ti trafigge il cuore come un tempo
    con una frase così dolce e amorosa
    che se ce l’hai teso ti si affloscia:
    “È colpa tua”, dice, “il tuo sconforto
    e questa smania, che di tanti pomi
    non ti ritrovi che torsoli e scorze.

  2. Anche se le pere sono diventate pomi (e capisco il perché, e meno male), mi piace molto questa versione, Anna. Non ti sei fatta ingannare da alcuni false friends, o quasi falsi. Sdilliriu, per esempio. Che può essere anche delirio, ma di solito viene usato per irrequietezza, inquietudine, ecc.
    Pur essendo una traduzione in versi, è fedele, efficace, godibile anche autonomamente dall’originale.
    Non finirò mai di ringraziarti dell’onore e del dono che mi fai, traducendo in toscano una per una le mie poesie sdilliranti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *