Canciamenti

Com’era nsiccumatu st’arbuliddu,
ddu piduzzu d’oliva chi l’atrannu
canciau casa ccu mia, puru iddu
scippatu e richiantatu! Passau ‘n annu

e, un parmu ch’era, uora è un metru almenu.
L’arriviscìru ‘na grasta cchiù ranni,
st’aria ‘i punenti e lu novu tirrenu.
Ora campa li so’ quattrucent’anni

e cuntinua a sparari faidduni,
si l’abbivira cocchi arma pia:
cchiù assai, sicuru, di li me’ stagiuni.

Iu puru haiu cchiù aria e largasia
nni chista casa, a chistu balcuni.
Ma nun c’è aria chi mi godi a mia.

Un commento su “Canciamenti

  1. CAMBIAMENTI

    Quant’era rinsecchito l’alberello,
    quel pieduzzo d’olivo che l’altr’anno
    cambiò casa con me, con me anche quello
    divelto e trapiantato. Passò un anno

    e, da un palmo che era, è un metro almeno.
    In vita lo riportò un vaso più grande,
    quest’aria di ponente e il buon terreno.
    Ora vivrà per quattrocento anni

    continuando a esplodere polloni,
    sol che lo bagni qualche anima pia:
    più certamente delle mie stagioni.

    Io pure ho aria e spazio più di prima
    in questa casa, a questo balcone.
    Ma non c’è aria che a me balsamo sia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *