Ciuri sittimbrini

‘U cielu, macari iddu, è fermo e nfuscu.
Cchiù janchizzu ca griciu, comu ‘un fussi
cummigghiatu, ma solu sculuruto.
L’arbuli darrè ‘i vitri, ancora virdi,
ccu quacchi fogghia menzu arrugginuta,
‘un si movinu, parinu pittati
nta curnici – Sapiti chi vi dicu?
Nun sapennu chi fannu sti jurnati,
si chiovi o ‘un chiovi, si torna o nun torna
‘a vostra e mia patruna, iu ppi dispettu
v’abbivìru, ciuriddi dilicati,
ciuri ammusciuti, ciuri sittimbrini
rassignati a muriri.

2 commenti su “Ciuri sittimbrini

  1. FIORI SETTEMBRINI
    Il cielo, pure lui, è immoto e fosco.
    Biancastro più che grigio, non pare
    annuvolato, solo scolorito.
    Dietro i vetri gli alberi, ancora verdi,
    con qualche foglia mezzo arrugginita,
    non si muovono, sembrano dipinti
    nella cornice – Sapete che vi dico?
    All’oscuro di ciò che porta il tempo,
    se piove oppure no, se torna o no
    la vostra e mia padrona, io per dispetto
    vi bagno intanto, esili fiorellini,
    fiori prostrati, fiori di settembre
    rassegnati a morire.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *