Cunsigghiu turisticu

Si vai a Scicli, paisi ncantatu,
joja di luci e d’oru arracamata
ncasciata intra ‘na vaddi ‘i janca petra
abbagghiata dû suli, hai a gghiri
ntô cafè Gritti, ‘n facci dû cullegiu
di Gesuiti. Poi t’assetti ô suli
e, scuta a mia, ti pigghi ‘na granita
di ceusi, o di mennuli caliati.

3 commenti su “Cunsigghiu turisticu

  1. Se vai a Scicli, paese incantato,
    gemma di pietra bianca ricamata
    incastonata in una valle di pietra bianca
    abbagliante di sole, devi andare
    nel caffè Gritti, di fronte al collegio
    dei Gesuiti. Poi ti siedi al sole
    e, senti a me, ti prendi una granita
    di more, o di mandorle tostate.

  2. Vedo che hai cambiato il secondo verso! Ecco qui dunque la nuova traduzione:

    Se vai a Scicli, paese incantato,
    gemma d’oro e di luce ricamata
    incastonata in una valle di pietra bianca
    abbagliante di sole, devi andare
    nel caffè Gritti, di fronte al collegio
    dei Gesuiti. Poi siediti al sole
    e, dammi ascolto, prendi una granita
    di more, o di mandorle tostate.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *