Cuntrastu

Si ‘u malutempu scamparrà, un dumani,
e discurremu di stu timpurali,
ti dicu iu soccu mi vurrai diri,
prima ca parri; ca giá nni parramu
e nni sciarriamu e nni vulemu mali
senza telefunari, di luntanu.

Puru si ‘un nni sintemu, iu ti sentu,
e ‘i to’ accusi mi strammanu lu cori.
Sacciu ‘i palori to’, una ppi una,
e comu ti rinesci a l’ammiscari.
E tu chi sai li mei, nni li me’ sonni
cuntrasti e ti sciarrii cu ‘i me’ pinseri.

Un commento su “Cuntrastu

  1. CONTRASTO

    Se il maltempo cesserà, un domani,
    e parleremo di questo temporale,
    ti dirò io ciò che mi vorrai dire,
    prima che parli. Ché già ci parliamo
    e litighiamo e ci vogliamo male
    senza telefonare, da lontano.

    Non ci sentiamo; eppure io ti sento,
    e le tue accuse mi scompigliano il cuore.
    So tutte le tue parole, una per una,
    e come tu riesci a rigirarle.
    E tu che sai le mie, in sogno mi parli
    e ti accapigli con i miei pensieri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *