Disìu

Soccu ‘na vota tu vulivi ‘i mmia
era chiddu chi iu di tia vulia.
Ora voi sulu essiri disiata,
criri forsi ‘i farimi lastimiari,
chi ‘u pitittu m’avissi fari diri
chi moru si nun proj lu masticuni.
Ma iu ‘un sacciu si uora ti disiu,
‘un sacciu chi è l’amuri né chi ha statu,
si fu ‘na frevi o fami e caristia.
Ma ‘u fattu chi voi essiri prijata
mi punci, tantu ca ti cuntrarìu.

 

Traruzzioni

soccu:
cio che
criri: credi
lastimiari: patire penuria, lamentarsi
pitittu: appetito
moru si nun proj lu masticuni: muoio se tu non mi porgi il boccone
frevi: febbre
voi essiri prijata: vuoi che ti si preghi, che ti si chieda con insistenza
mi punci: da pùnciri, pungere, far male, stuzzicare, infastidire
ti cuntrarìu: da cuntrariàri, contrariare, contrastare

Un commento su “Disìu

  1. Ciò che tu da me volevi un tempo
    era quanto da te volevo anch’io.
    Ora vuoi solo essere desiata
    credi forse di farmi illanguidire
    che l’appetito mi costringa a dire
    che muoio se non mi dai un boccone.
    Ma non so se di te ora abbia desio,
    non so che sia l’amore o che sia stato,
    se una febbre o fame e carestia.
    Ma il fatto che vuoi essere pregata
    m’indispone, sì che ti contrario.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *