Duminica

‘Un sacciu soccu haiu oggi ntô cori.
Mi babbïanu ‘n testa li palori
ammuzzu, scumminati. E iu macari
sugnu cunfusu, o forsi disfiziatu.
C’haiu a fari, mi dicu e m’addumannu,
di sta duminica, e poi di l’astati,
di li me anni e di l’autunnu trubbulu
chi m’ha ristatu? ‘Un sacciu mancu siddu
haiu a scummàttiri a chidda ca sacciu
cu ‘n essemmèsse. Ci vulissi dari,
prima ca partu, ‘n’autra scuttulata,
ma puru mi siddìa a cummattìri
cu li striminchioli so’ fimminìni.

 

Traruzzioni di corchi palora

nzoccu:
che cosa
babbïanu: scherzano
palori: parole
ammuzzu: a casaccio, in mescolanza disordinata
scumminati: scombinate
macari: anche
disfiziatu: sfiduciato, disgustato
lagnusu: pigro, ozioso
trubbulu: fosco, nuvoloso, confuso. Ma anche nei significati dell’inglese trouble
siddu: se
scummàttiri: stuzzicare, infastidire
scuttulata: scrollatina, da scuttulari (scuotere, bacchiare, scrollare)
mi siddia: mi secca, mi annoia
cummàttiri, o cummattìri: avere a che fare, ma anche combattere
striminchioli: paturnie

 

3 commenti su “Duminica

  1. Mi piace assai la parola “disfiziatu”. In napoletano c’è “sfastiriato” che le somiglia e credo la tradurrebbe bene. In italiano manca un’esatto corrispondente, credo.

    È molto bella.

  2. Non so che mi sento oggi nel cuore.
    Mi van svariando in testa le parole,
    sparpagliate confuse. E sono io pure
    confuso, o malcontento, fiacco
    senza voglia. Che farmene, mi chiedo,
    di questa domenica, e dell’estate poi,
    e di questi anni miei e dell’autunno
    fosco che mi resta? Non so, potrei
    smuovere quella bella che so io
    con un essemmesse. Avrei vaghezza
    di darle ancora prima di partire
    un’altra scrollatella. Ma mi stanca
    il pensiero d’avere a che vedere
    coi ghiribizzi suoi strambi di femmina.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *