Filastrocca

Oggi è duminica
tagghiamu a testa a Minicu
Minicu nun c’è
a tagghiamo a lu re…

“Pirchì?”, ‘iu addimannavu,
ca eru un carusiddu
di quattr’anni. “Pirchì
am’a tagghiari a testa
a quarcunu? Chi ha fattu,
stu Minicu, o lu re?”

Lu re è malatu
a tagghiamu  ô surdatu…

Capivu pirchì Minicu
si sarvava: pirchì
nun c’era, avia scappatu.
Ma ‘u re? S’â scapulava
di muriri ammazzatu
pirchì era malatu?
“E chi ti vogghiu diri?”
rispunniva me matri.
“Quarcunu avi a muriri,
‘a filastrocca è chissa.”
“E si ‘u surdatu scappa?”
“‘A tagghiamu â badissa.”

Ora ch’haiu tant’anni
sugnu menu curiusu.
Tantu nun si capisci
dda cosa mistiriusa.
E mi mparai ‘a strofa,
sacciu comi finisci,
puru ‘n tempu di paci:

U surdatu fa la guerra
Tirritùppiti tutti ‘nterra.

A li voti, scrivennu,
mi pari di mulari
‘n cutiddazu, ppi fari
quarchi straggi o maceddu.
Sacciu puru pirchì
quarcunu miritassi
di tagghiàrici ‘u coddu.
Ma mori ccu ha’ muriri,
senza curpa o motivu,
e ccu ha’ viviri, vivi.
Ccu ci ngagghia ci ngagghia,
si sarva ccu nun c’è,
ccu è malatu, ‘un si sa.
Crisci, carusu. E tagghia.

Un commento su “Filastrocca

  1. Oggi è domenica
    tagliam la testa a Menico
    Menico non c’è
    e la tagliamo al re…

    “Perché?” io domandavo
    essendo un bambinetto
    di quattr’anni. “Perché
    s’ha da tagliar la testa
    a qualcuno? Che ha fatto,
    ‘sto Menico, o quel re?”

    Il re è malato
    la tagliamo al soldato….

    Capivo perché Menico
    si salvava: perché
    non c’era, era scappato.
    Ma il re? Se la scampava
    di morire ammazzato
    perché era malato?
    “E che ti voglio dire?”
    rispondeva mia madre.
    “Qualcuno ha da morire,
    la filastrocca è questa.”
    “E se il soldato scappa?”
    “Si taglia alla badessa.”

    Ora che ho tanti anni
    sono meno curioso.
    Tanto non si capisce
    quel fatto misterioso.
    L’ ho imparata la strofa,
    so come va a finire,
    anche in tempo di pace:

    Il soldato fa la guerra
    e tirritùppiti tutti a terra.

    Alle volte scrivendo
    mi pare di molare
    un coltello, per fare
    qualche strage o macello.
    So bene anche perché
    qualcun meriterebbe
    gli si tagliasse il collo.
    Ma muoia pur chi deve,
    senza colpa o motivo,
    e chi ha da viver, viva.
    La tocca, a chi la tocca,
    si salva chi non c’è,
    chi è malato, chissà.
    Cresci, ragazzo. E taglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *