Fimmini mei

Fimmini mei, vi vogghiu beni a tutti,
o chi sugnu ‘n amicu o chi vi futtu.
Si corchi vota vi vogghiu arrassari,
giuru ca mai vi vulissi lassari.

‘Un aìti aviri abbili e gilusia
siddu arriscedu a Minica o a Maria.
‘Na discurruta appassiunata e tisa
è megghiu di ‘n amanti laccarusu.

Di tantu amuri e amari mi ristau
du’ amichi e ‘na speci di mugghieri;
ma cu tuttu ca ‘u sbaddu mi passau,
òi, vecchiu e tintu, amu cchiù assà d’aieri.

L’autra ‘un sacciu cu’ è, picchì è farfanti
e spissi voti è ‘na vera nimica.
E’ rannuna, ma voli essiri nica
e joca a la riggina cu dui fanti.

Fimmini mei, lassatimi arristari
ppi ‘na simana sulu, ca iu stissu
mi sacciu mmizzigghiari e cuciuniari
senza cchiù nuddu chi mi metti avversu.

Un commento su “Fimmini mei

  1. A tutte, donne mie, vi voglio bene,
    sia che vi sia amico o che vi scopi.
    Se talvolta vi voglio più a distanza,
    mai, lo giuro, vi vorrei lasciare.

    Non prendetevi bile o gelosia
    se vo palpando Menica o Maria.
    Qualche discorso appassionato e teso
    è meglio di un amante neghittoso.

    Di tanti amori e di tutto il mio amare
    restano due amiche e una similmoglie;
    ma benché sia passata la baldoria,
    oggi, da vecchio, amo assai più di ieri.

    L’altra io non so chi sia, perché mi mente
    e spesso è una nemica mia sincera.
    È grande e grossa, ma fa la fanciullina
    e gioca alla regina con due fanti.

    Donne mie, lasciatemi star solo
    per una settimana, che da me stesso
    io mi so ben viziare e vezzeggiare
    senza più alcuno che mi metta in sesto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *