Fudda di vuci

Ci sunu tanti vuci quannu scrivu
ca iu nun sacciu a cu’ haiu a scutari.
Parrati unu a la vota, ppi favuri,
prima li morti e dopu chiddi vivi.

Prima ‘i mettiri niuru supra jancu
ci passu a prifirenza a patri e matri.
‘Un pozzu dari ntisa a tutti l’atri
si nun capisciu a cu’ sta supra e a ciancu.

Largu dunca a li me’ parenti stritti,
poi a li canuscenti, a li parrati
furasteri, ê cumarchi scanusciuti
e, si mi resta tempu, a li pueti.

Un commento su “Fudda di vuci

  1. FOLLA DI VOCI

    C’è tal folla di voci quando scrivo
    ch’io non so a quale dare ascolto.
    Parlate uno per volta, per favore,
    prima i morti e dopo questi vivi.

    Prima di mettere nero su bianco,
    do la precedenza a padri e madri.
    Intendere non posso tutti gli altri
    se non capisco chi sta sopra e affianco.

    Largo dunque ai miei parenti stretti,
    poi ai conoscenti, alle parlate
    estranee, alle contrade sconosciute
    e, se mi resta tempo, anche ai poeti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *