Megghiu ‘a cinniri

A l’umbra ‘i nucipersi e nta cabina
cunurtata di chiantu, forsi ca
si dormi cchiù cuntenti? Quannu ‘u suli
ppi mia nun fa cchiù lustru, chi mi mporta
si mi chiancinu, siddu hannu duluri,
supra ‘a fotugrafia nto smartphòne
o mpiccicatu ncapu a ‘na balata?
Sti pinseri pinsavu l’atra vota,
parrannu cu me soru e ragiunannu
si unu, mortu, si senti cchiù biatu
sutta un metru di terra sittirratu
oppuru ncinnirutu.Tutti dui
conchiudimmu chi è sulu ‘na quistioni
di sordi e di fastidiu dî parenti;
picchì ‘a carrozza dû cassamurtaru,
di ccà in Sicilia, sennu ca è luntanu,
costa migghiari d’euru. Megghiu ‘a cinniri:
dintra ‘na cascitedda, a fai vulari
cu l’ariuplanu. Quannu passi poi
menzu ‘i calìpsi, ô boscu dâ Biddìa,
ti fai ‘a cruci e mi sparpagghi ô ventu.
Cussì, dô finistrinu, senza scìnniri
dâ machina. Si poi mi voi nziccari
ncostu a li nostri nanni e a nostru patri,
nun servi piccu e pala e muraturi:
scavi cu ‘a manu, a tagghiu ô balatuni,
e ddà mi chianti, comu fussi un ciuri.

Un commento su “Megghiu ‘a cinniri

  1. MEGLIO LA CENERE

    All’ombra dei cipressi e dentro l’urna
    confortata di pianto, si dorme forse
    più contenti? Una volta che il sole
    per me non brilli più, che me ne cale
    se mi piangono, se provano dolore
    davanti alla mia foto nello smartphone
    o magari infissa su una stele?
    Così pensavo, parlando l’altra volta
    con mia sorella, e ci chiedevamo
    se, da morto, uno si sentirebbe
    più a suo agio sotto un metro di terra
    o incenerito. Concludemmo entrambi
    ch’è solo una questione di soldi
    e di noie per i parenti; il trasporto
    delle pompe funebri da quassù
    alla Sicilia, ch’è lontano, costa
    migliaia dieuro. Meglio la cenere:
    in una cassettina la fai volare
    con l’areoplano. Passando poi
    tra gli eucalipti nel bosco di Bellia,
    ti fai la croce e mi disperdi al vento.
    Così, dal finestrino, senza manco
    scendere dall’auto. Se mi volessi
    poi vicino al nonno e a nostro padre,
    non occorrono attrezzi e muratore:
    puoi scavare tu stessa con la mano
    una buchetta a filo della lastra
    e lì piantarmi, come fossi un fiore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *