Jurnati…

Facèmuni ‘a  cruci: a jurnata
è  cunzinnata. Calamu ‘i pirsiani,
tagghiamu l’urtimu lustru.
Nun vogghiu vidiri ‘a ngunia
di stu jornu né chiaru né nfuscu.

‘N’autra firriata di chiavi
ad ‘a porta tri voti nzirragghiata.
Ccu veni veni, pò tuppuliari
finu ca ‘u vrazzu nun ci cadi.

Astutu ‘i cincu telefuni,
e ‘i dui tililvisioni,
nzamài quarcunu ppi risia
vidi o senti ‘n babbiuni chi leggi
‘a littira ziccusa chi scriviu:
ccu sta vuci di ciàula, ccu sta facci.

Un commento su “Jurnati…

  1. GIORNATE…

    Facciamoci la croce: la giornata
    è perduta. Caliamo le persiane,
    tagliamo via l’ultima luce.
    Non voglio vederlo in agonia
    questo giorno né chiaro né fosco.

    Un altro giro di chiavi
    alla porta già tre volte rinserrata.
    Chiunque venga, bussi finché vuole
    fino a a quando il braccio non gli caschi.

    Spengo i cinque telefoni,
    i due televisori,
    non sia mai che qualcuno per ventura
    veda o senta un babbione che legge
    la lettera assillante che ho stilato:
    con questa voce di cornacchia,
    questa faccia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *