Làstimi

Haiu ‘n’amanti c’avi dui muluna
chi, virissi!, ci manca la palora.
Ma ‘un è cchiù ‘n’amanti sta carusa
chi ‘un è cchiù carusa di tant’anni.
E ppi furtuna li minni nun parranu;
ca si ppi miraculu parrassinu
mi cuntassiru tribuli e affanni
Ca mancu vintisetti cuntalàstimi.

Nun parranu, ma idda fa ppi centu,
e cunta ch’avi peni e li ricunta,
picchì sugnu ‘n amicu e cunfidenti.
Ah quantu guai quannu speddi l’amuri,
chi fu un guaiu e nun m’inaddunai!
Ma quali peni pò aviri cu’ ‘un ama,
e quali barsamu a li soi scunorti
si morsi lu dutturi d’ogni mali?

Ah comu mi n’affliggiu iu macari
di sta so dispiranza dispirata,
di ‘st’afflizioni chi nun è quasanti
‘u fattu chi non l’amu – Ah chi chiangiuti
ncapu a lu pettu so m’avissi fari!
A vogghiu beni comu fussi un patri,
cu tuttu chi, ppi scanciu di scutari,
iu vulissi parrari a li dui muti
comu fa lu nutrìcu cu so matri.

 

Traruzzioni 

lastimi: 
afflizioni; lamenti
muluna: cocomeri, angurie
virissi: vedessi
palora: parola
cuntalàstimi: chi racconta i propri guai lamentandosene
speddi: finisce, termina, si esaurisce
nun mi n’addunai: non me ne avvidi
scunorti: sconforti
macari: anche
quasanti: A causa del
chiangiùti: pianti
cu tuttu: malgrado, nonostante che
ppi scanciu di
: invece di
nutrìcu: lattante

 

 

2 commenti su “Làstimi

  1. Ho un’amante che tiene due meloni
    che, vedessi!, ci manca la parola.
    Ma non è più mia amante la fanciulla
    che fanciulla non è da tanti anni.
    E fortuna che mute son le tette;
    che se, per miracolo, parlassero,
    direbbero di triboli e di affanni
    che manco ventisette donne in lagni.

    Non parlano, ma parla lei per cento,
    e narra le sue pene e le rinarra,
    perché sono suo amico e confidente.
    Ah, quanti guai quando l’amore è spento,
    che fu un guaio e manco me n’accorsi!
    Ma che pene può avere chi non ama,
    e che soccorsi mai per i suoi guai
    se il medico è morto di ogni male?

    Ah, come anch’io mi affliggo e m’addoloro
    per il suo disperarsi disperato,
    per quest’afflizione di cui non è motivo
    il fatto ch’io non l’ami! Ah, quali pianti
    mi farei volentieri sul suo petto!
    Le voglio bene quasi fossi un padre,
    ma, lo ammetto, più che ascoltare lei,
    vorrei parlare a quelle due silenti
    come fa il bambinetto con la madre.

  2. Non faccio in tempo a postare una poesia nel mio idioma, che subito appare la traduzione in toscano. E che traduzione! Riesce a essere letterale e in versi perfetti. Chista è a Puetessa, ccu a P maiuscula.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *