Lingua di marinaru

Di  stu paisi novu unni è stranera,
chista lingua vulissi numinari
cosi chi nun canusci e ‘un ci rinesci;
e ‘a lingua dî straneri ‘un sa parrari
di l’atru me paisi, di com’era.

Ê tempi so’, di chista vuci strana,
c’eranu cosi chi ora e ccà ‘un ci sunu.
Puru si dicu suli e dicu pani
nun sunu ‘u stissu pani, ‘u stissu suli;
ma ‘un è un fattu di luci o di sapuri.

Si fussi sulu ca ‘u munnu cangiau,
‘un mi sintissi straviatizzu e mutu
di ccà e di ddà, ma mi facissi un ponti
di cunti e poisii di dui maneri,
ppi jungiri sti dui mei cuntinenti;

Ma ‘u fattu è ca ristai menzu a lu mari,    
partiu e ‘un arrivai a nudda banna.
Sugnu tirranu, ‘un sacciu navicari.
Firriu avanti e arreri cu li venti
e taliu di luntanu li dui munni.

Chista lingua ca parru ci assimigghia
a chidda di me patri, ma ‘un è idda.
‘A parra ‘u cori, ‘a lingua si mpidugghia,
sacciu megghiu a parrata ‘i marinari.
Ma sta vitazza, a cu’ l’haiu a cuntari?

Sti cusuzzi chi scrivu si nni vannu,
mi pari, puru iddi alla stranìa,
comu sfasciumi e scuma supra l’unni.
N’haiu quasi vrigogna si, ppi casu,
na varca si ci ncugna o li canzìa.

5 commenti su “Lingua di marinaru

  1. Che bella che è, con questa metafora onirica del mare che la percorre e che, oltre che evocare così efficacemente lo spaesamento e il senso di lontananza, in qualche modo (almeno per me) fa anche apparire in trasparenza la penisola che si allunga e non arriva a toccare l’isola.
    Insomma questa benedetta lingua si la firau a parrari e, autru ca sfasciumi e scuma , ci arrinisciu ‘na biddizza ‘i poisia, na sirena chi canta accussì ruci ca tutti i varchi si firmanu tornu tornu ppi scutarila, e si nni fannu annacari.

  2. ‘Un dicu chi nun sapi parrari, ma è lingua dî marinari. Sugnu cuntentu ca na barca si ncugnau ppi scutari sta vuci strana a mia stissu.
    Il luogo e il tempo in cui questa lingua si situa è, in effetti, uno spazio a metà strada tra i due poli della mia pendolarità. Un luogo in un certo senso irreale.
    Grazie per la tua preziosa attenzione, maistra.

  3. LINGUA DA MARINAIO

    Di questo paese nuovo in cui è straniera,
    questa lingua vorrebbe nominare,
    e non è buona, cose che lei ignora;
    e quella degli stranieri non sa dire
    dell’altro mio paese, di com’era.

    Ai tempi suoi, di questa voce estranea,
    c’erano cose che ora e qui non sono.
    Anche se dico sole o dico pane
    non è quel pane stesso, non quel sole;
    ma non si tratta di luce o di sapore.

    Se solo a esser mutato fosse il mondo,
    io non mi sentirei spaesato e muto
    sia qui che là, ma getterei un ponte
    di racconti e poesie nelle due forme,
    per congiungere i due miei continenti.

    È che sono rimasto in mezzo al mare,
    partii senza approdare in alcun luogo.
    Sono terragno, non so navigare.
    Giro vagando a seconda dei venti
    e miro i miei due mondi da lontano.

    Questa lingua che parlo rassomiglia,
    ma non è quella stessa di mio padre.
    La sa il cuore, ma in bocca s’ingarbuglia,
    posseggo meglio quella dei marinai.
    Ma a chi la dico, questa vita amara?

    Queste inezie che scrivo se ne vanno,
    mi pare, anch’esse in acque estranee
    come relitti e schiuma sopra le onde.
    Ne ho quasi vergogna, se, per caso,
    vi si accosta una barca o se ne scansa.

  4. Sei bravissimo, o Giovanni, ed anche coraggioso ché di questi tempi scrivere ancora in vernacolo o dialetto è raro! Questa tua lingua mi piace moltissimo! Complimenti ed abbracci!

  5. Ciao Mario.
    Ti ringrazio molto per il tuo apprezzamento, che non è quello di un blogger qualsiasi.
    Non sono convinto che sia così rara la scelta di scrivere in dialetto. Sono pochi a pubblicare cose dialettali nei blog, questo sì; anche perché tutti si vorrebbe avere il maggior numero di lettori possibile. Nel mio caso, mi viene in soccorso la benevolente attenzione di Anna Setari, che traduce in ‘toscano’, nei commenti.
    Avremo modo di parlare ancora di lingua e dialetti. Per ora, un abbraccio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *