Maronna chi cauru!

Di tant’anni chi sugnu a chistu munnu,
‘un m’arricordu ‘n cauru cchiù anfusu
dû cauru d’avannu, giuraddìu.
Rici chi fa stu cauru di nfernu
ogni quattrina di ginirazzioni,
chi ô nfernu, ppi castiu e punizzioni,
hannu abbruciari ‘i vivi com’a mmia;
comu dda vota, chi si cunta ancora,
dû millinovicentucuntasetti.
Iu ‘un c’eru a ddi tempi, ma ci criju,
siddu era aguali ‘u cauru chi facia.
Era d’austu, o forsi di giugnettu,
e rici chi bonarma di me nannu,
nun suppurtannu dda ranni calura,
ppi scanciu di curcarisi ntô lettu
s’jiu a curcari nta biviratura.

2 commenti su “Maronna chi cauru!

  1. Madonna che caldo!

    Da tanti anni che sono a questo mondo
    non ricordo, quant'è vero Iddio,
    un caldo così afoso come questo.
    Tale caldo d'inferno torna, pare,
    circa ogni quattro generazioni,
    che all'inferno per pena e punizione
    han da bruciare i vivi del mio stampo;
    come la volta che ancora si racconta
    del millenovecentoequalchesette.
    Io non c'ero a quei tempi, ma ci credo,
    se era il caldo d'allora a questo uguale.
    Era d'agosto o forse era di luglio,
    e mio nonno bonanima, si dice,
    non sopportando quella gran calura,
    anziché coricarsi nel suo letto,
    andò a dormire nell'abbeveratoio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *