Masochismo

Ma chi è sta prescia d’arrivari ‘n casa,
‘i sira, dopo un jornu di travagghiu,
pp’addumàrimi la tilivisioni?
C’è sempri ‘n autru tempu dâ partita
senza fini tra ‘i dui squatri nimici:
chidda dî malacunnutta scuncirtusi
e chidda scumminata dî me’ amici.
Si viri ca mi piaci, o ‘un mi dispiaci,
guastarimi lu sangu e lu pitittu,
ngustiarimi la vita. ‘Un fussi megghiu
scurzari anticchia uno dî munzeddi
di libbri ncapu ‘i seggi e ‘u buffitinu?
Tantu chi pozzu fari? Cu st’Italia
‘un ci po’ cchiù mancu ‘a pinnicillina.
Di ddu briganti cu a facci di cira
‘un s’a scapula, troppu ci assimigghia.

Un commento su “Masochismo

  1. Ma che è ‘sta fretta d’arrivare a casa,
    la sera, dopo un giorno di fatica,
    per accendere la televisione?
    Non c’è che un altro tempo dell’eterna
    partita delle due squadre nemiche:
    quella dei malfattori ributtanti
    e quella dei miei amici, scombinata.
    Si vede che mi piace, o non mi spiace,
    di rovinarmi il sangue e l’appetito,
    d’affliggermi la vita. Non farei meglio
    a far calare un poco uno dei mucchi
    di libri sulle sedie e il tavolino?
    Tanto, che posso farci? A quest’ Italia
    manco la penicillina fa più niente.
    Da quel brigante dalla faccia incerata,
    non si libera, che troppo gli assomiglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *