Omu tecchinològgicu

E chi è sta tavuletta ch’haiu ‘n manu,
‘a lampa d’Aladinu, ‘u pateternu?
Telefunu, mi viju ‘a tilivisioni,
ascutu ‘a radiu, mi taliu ‘o specchiu.
E si mi sferra, toccu un disigneddu
a forma di caternu, e idda scrivi
sutta dittatu, ma sulu talianu,
ca si ci parru strèusu, arruzzudda
palori ammuzzu. Mi prisenta  puru
‘I giurnali, ‘i lunari, ‘i calinnari,
e m’addivina ‘u tempu di dumani.
Macari ‘i stiddi leggi, si ci scrivu
‘u jornu chi nasciu; ma iu già sacciu
comu fui assurtatu, biniditti
ddu aprili e dda duminica. Bonè
chi oggi li dèi pietusi n’arriàlanu
un guvirnicchiu, comu jè jè,
e quacchi autra jurnata di bontempu.

2 commenti su “Omu tecchinològgicu

  1. UOMO TECNOLOGICO

    Che è ‘sta tavoletta che ho qui in mano,
    il lume d’Aladino, il padreterno?
    Telefono, guardo la TV, ascolto
    la radio, mi osservo nello specchio.
    E se mi gira, tocco un disegnuzzo
    a forma di quaderno, e quella scrive
    sotto dettatura, però in italiano,
    che se le parlo strano, raffazzona
    parole incasinate. M’offre pure
    i giornali, i lunari, i calendari,
    e m’indovina il tempo che farà.
    Anche le stelle legge, se le scrivo
    il giorno in cui son nato; ma so già
    quanto fui fortunato, benedetta
    quella domenica d’aprile. E grazie
    al cielo che oggi ci donano gli dei
    un governicchio, come e comunque sia,
    e qualche giorno di bel tempo ancora.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *