Lamentu di Giuanni Nuciddaru

“Haiu sittantun’anni, setti misi
e tri jorna”, mi dici rantuliannu
Giuanni Nuciddaru, ‘u me paisanu.
“Me mugghieri, bonarma, si nni iju
giustu oggiallannu. Idda era di cca,
di stu paisi, e iu chi ‘un avia locu,
sennu emigranti, nta lu nidu sovu
m’arrizzittai. Ppi tanti e tanti anni
fummu amanti; e si poi si fici fraccu
‘u focu dâ passionin ch’avia statu
furiusu e dui famigghi avia abbruciatu,
idda era me matri e iu so patri;
ca nun spiddiu l’amuri, anzi crisciva,
e comu un vecchiu gattu addivatizzu
era mandruni, pisantazzu, vunchiu,
e ‘un ci capeva nta ‘na casa sula:
n’appimu aviri dui, e sta signura
puru di lu me locu addivintau
mitatera e patruna.”

“Ora chi m’arristau? Sugnu straneru
e ‘a me terra affunnau, spiriu dû tuttu
‘a città, ‘a me patria, ‘u cuntinernti.
Rimitu e scunzulatu, amaru a mia,
mi votu e mi firriu e ‘un trovu nenti.
Tutti li porti sunu nzirragghiati,
nun ci su’ facci e casi canusciuti.
Mi vulissi arricogghiri â me casa,
ma ‘un sacciu unn’è, cu’ fu ‘a me famigghia
e siddu l’appi. M’arricordu sulu
‘a direzzioni: ppi ddocu si pigghia.
E pp’arrivàrici haiu acchianari
‘a stissa via chi fazzu di tant’anni;
ca comu fu e comu nun fu,
m’attruvai mpajatu a sta vintura,
straviatu di dd’amuri o cunnannatu
d’un sacciu cui a fari sta chianata,
finu c’avemu strata.”

“E acchianu, ciuncu e vecchiu. Sugnu sulu
e m’ammuttu iu stissu: dài, Giuànni,
mi dicu e mi ripetu ogni matina,
ppi nun m’arramazzari a dinucchiuni
comu un cavaddu strantulatu – Forza,
‘n’atra dicina d’anni e am’arrivatu.
Ma è sempri cchiù mpittata sta muntata,
e nuddu cchiù mi pungi, o mi carizza
‘a crigna spiddizzata. E c’haiu a fari?
‘Un haiu ciatu, ‘un hai cchiù garruna,
ma sta cunsigna l’am’a cunsignari.
Scura la sira, vinni già lu nvernu
e mi dispiaci ppi li me’ parenti
di tuttu stu ritardu a scarricari
sta carrittata ‘i nenti, sta furtuna
nta lu barrancu eternu.”

5 commenti su “Lamentu di Giuanni Nuciddaru

  1. LAMENTO DI GIOVANNI NUCIDDARO

    “Ho settantun’anni, sette mesi
    e tre giorni”, mi dice con affanno
    Giovanni Nuciddaru, mio compaesano.
    “Mia moglie, bonanima, se n’è andata
    oggi fa giusto un anno. Lei era di qua,
    di questo paese, e io senza dimora
    essendo un emigrante, nel suo nido
    trovai rifugio. Per tanti e tanti anni
    fummo amanti; e poi, dopo smorzato
    il fuoco della passione, che era stato
    furioso e due famiglie aveva bruciato,
    lei era mia madre e io suo padre;
    ché l’amore non era finito, anzi
    cresceva, e come un vecchio gatto
    viziato, era pigro, enfio, pesante,
    tanto da non starci in una casa:
    ce ne occorsero due, e la signora
    diventò anche della mia padrona
    e gestrice in mezzadria.”

    “Ora che m’è rimasto? Sono straniero
    e la mia terra sprofondò, sparì del tutto
    la città, la mia patria, il continente.
    Solo e sconsolato, povero me,
    mi volto e mi rigiro e niente trovo.
    Le porte sono tutte rinserrate,
    non ci son facce e case conosciute.
    Vorrei tornare a sera a casa mia,
    ma non so ove sia, chi fu la mia famiglia,
    se mai ne ho avuta una. Ricordo solo
    la direzione: sempre là conduce.
    E per arrivarci devo inerpicarmi
    per la via che percorro da tanti anni;
    ché non so come sia accaduto
    che finii aggiogato a questa sorte,
    deviato da quell’amore o condannato
    non so da chi a prendere questa erta,
    fin che c’è davanti ancora strada.”

    “E salgo, vecchio e storpio. Sono solo
    e mi spingo da solo: dài, Giovanni,
    mi dico e mi ripeto ogni mattina,
    per non stramazzare sui ginocchi
    come un ronzino sfiancato – Forza,
    ancora un dieci anni e si è arrivati.
    Ma sempre più scoscesa è la salita,
    e più nessuno mi sprona, o carezza
    la criniera spelacchiata. Che fare?
    Non ho fiato, non ho più garretti,
    ma la consegna si deve consegnare.
    Già la sera imbruna, già è qui l’inverno,
    e mi dispiace per i mei parenti
    di questo gran ritardo a scaricare
    questa carrettata di niente, questo tesoro
    nel precipizio eterno.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *