‘A navi scunzata

Dopo vintiquattr’uri di spittaculu,
susìru ‘a navi. Mischina, chi pena,
tutta schifiata ô sciancu chi pusava
ncapu a lu so matarazzu di schogghi!
E pacenza si trentadui puvreddi
anniati a mari nun arrivisceru.
Ma uora basta, ppi pietà, ‘u sapemu
ca simu bravi a mettiri a l’addritta
‘i morti ppi sunarici ‘a fanfarra.
Uora, dici ‘a TV, fussi ‘u mumentu
c’abbadassimu a l’autru bastimentu.

Ah la navi di lussu, guvirnata
dî pirripicchi e latri e ncumpitenti:
taliati comi l’hannu arriduciuta!
Coccunu dici chi galleggia, ‘n autru
ch’affunna, chi affunnau, chi ballarìa;
tracodda, si ripigghia, trasi e nesci
di lu barrancu; poi l’arripizzamu
e arreri la scunzamu e l’affunnamu.
Passanu l’anni e ‘un cangia la canzuna.
E puru sta metafura dâ navi,
pirdunati, mi rumpi li cugghiuna.

Un commento su “‘A navi scunzata

  1. LA NAVE SFASCIATA

    Dopo ventiquattr’ore di spettacolo,
    si rialzò la nave. Che pena, tutta
    scassata, poverina, su quel fianco
    che poggiava sul suo letto di scogli!
    E pazienza se trentadue annegati,
    poveretti, non son tornati in vita.
    Ma basta ora, per pietà, lo sappiamo
    che siamo bravi a raddrizzare i morti
    per poi suonare loro la fanfara.
    Adesso, dice la TV, sarebbe l’ora
    d’occuparsi dell’altro bastimento.

    Ah la nave di lusso, governata
    da saltimbanchi e ladri e incompetenti:
    guardate un po’ come l’hanno conciata!
    Qualcuno dice che sta a galla, un altro
    che affonda, che è affondata, che traballa:
    crolla, si riprende, su e giù sull’orlo
    del precipizio; la si rabbercia, e poi
    ancora la si sfascia e manda a fondo.
    Passano gli anni e uguale è la canzone .
    E ‘sta metafora stessa della nave
    m’ha rotto ormai, scusatemi, i coglioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *