Navigannu

Com’è nicu lu munnu e com’è curtu
lu tempu! Oggi, pr’esempiu, haiu ncuntratu,
tambasiannu e ristànnumi assittatu,
un prufissuri, pueta e littratu,
chi canusciu a Catania, ‘ant’anni arreri.
Antonio Corsaro: propiu iddu.
A stissa facci, stissa risatedda.
Peccatu ca muriu. ‘U canusciu
c’avia l’età mia d’oggi, cchiù ‘i spariggi.

Era parrinu, ma nun pridicava,
e pensu ca tanti osti ‘un nni mangiava.
Era veru ncignusu, era curtisi,
scriveva assà, ma ancora ‘i cchiù liggia.
Morsi – ccà dici – nô novantacincu.
‘Un sacciu, siddu fussi ancora vivu,
‘u Cursaru, si issi navigannu
disfiziatizzu, comu fazzu iu.

Un commento su “Navigannu

  1. Come è piccolo il mondo e com’è breve
    il tempo! Oggi, per esempio, ho incontrato,
    girellando e stando qui seduto,
    un professore, poeta e letterato,
    che conobbi tanti anni fa a Catania.
    Antonio Corsaro: proprio lui.
    Stessa faccia, stesso sorriso arguto.
    Peccato che sia morto. Lo conobbi
    che aveva l’età mia d’oggi, all’incirca.

    Era prete, ma non predicava,
    e penso che non mangiasse molte ostie.
    Era di grande ingegno, era cortese.
    scriveva molto, ma ancor più leggeva.
    È morto – leggo qui – nel novantacinque.
    Se fosse ancora vivo oggi, chi lo sa
    se il Corsaro andrebbe navigando
    un po’ scorato, come faccio io.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *