Nun manca nenti

“Nun manca nenti nni sta casa”, dici
‘a matri dulurusa, ripinsannu
a comu, latri, la spugghiaru l’anni.
Mi servi ‘na scupitta, o un buttuni,
‘na pinna, un lazzu, ‘na pumata, ‘a burza
di l’acqua cavuda ppi ‘un dormiri sulu?
Nun c’è nenti chi ‘un c’è nni ddi casciuna
di dda cridenza ranni e nova nova
chi mi prisenta ogni vota c’arrivu.
“Talìa comu luccica”, mi dici.
Ca comu! Spicchjalìa puru ô scuru.

O matri curta curta e strantulata,
ca mi scantu ca cadi a ogni passu,
chi vai circannu, chi vai riscidennu
sira e matina ppi tutti li gnuni?
Sempri ‘n caminu di ‘na stanza a l’atra,
ti fermi, talii ‘n terra, accura ê pedi,
e cangi dirizzioni, e ccu tia stissa
parri e raggiuni. Mi pari spirduta
comu si ‘un fussi nnâ to vecchia casa,
ma a banna strana. Vai varculïannu
e zuppiannu e tantiannu ê seggi seggi,
e ‘un hai mai versu, ntamata e squeta
comu ‘na puddastredda sula sula.

“Sulu dui nni ristaru nnô puddaru:
iu e sta figghia malata e sturtigghiata”,
dici, ccu ‘a facci a l’aria. Poi t’assetti
sfinuta, e ti rancuri, ripetennu
chi nenti manca, nenti, nnâ to casa.
Ccu i sordi, poi, putemu fari ‘u furnu.
Chiddi boni si nni jeru, chiddi vecchi
e malati ristaru. Iu m’arricampu
ê festi festi, e lu to  cumpagnu
spatriàu ddassusu, d’unni ‘un c’è ritornu.

Li vitti puru iu li cangiamenti,
‘a mamina, ‘i bicchini, i muraturi.
Ma dda casa ‘a canusciu e l’arricordu
com’era cchiù di cinquant’anni arreri.
Chi fini ficiru ‘i beddi maduna
russicanti, ‘a tirrazza sularina,
‘i trunchi dî sulari, ‘i cammaruni?
Sì, ora è tutta nova, ci su’ tanti
cummidità; e ‘i vecchi casciabbanchi
funnu iccati di quantà a vadduni.
Ma ccu sti tabbi e sti tramenzi bianchi,
ccu tutti sti furchiuni rinnuvati,
mi pari un labbirintu scuru scuru.
Centu porti ci su’, ma nun si trova,
ppi nesciri, né porti né purtuni.

Picchissu ‘un sugnu mai né cca né ddà,
e ogni vota ca partu nun capisciu
di quali di li dui sdisulazzioni
staiu fuiennu. Un sacciu cchiù unni stari:
ccassusu ccu li mei menzi mugghieri
o ddagghiusu. Ca tantu, nni sta casa
comu nni chidda vannu varculiannu
ddi ummmiri scuntenti, e mi persuàrrinu
ca sugnu vecchiu e sulu puru iu.
Ccà puru ‘un manca nenti, grazziaddìu.

Un commento su “Nun manca nenti

  1. NON MANCA NIENTE

    Non manca niente in questa casa, dice
    la madre dolorosa, ripensando
    a come la spogliarono, ladri, gli anni.
    Mi serve una spazzola, o un bottone,
    una penna, un laccio, una pomata, la borsa
    dell’acqua calda per non dormire solo?
    Non c’è niente che manchi in quei cassetti
    della grande credenza tutta nuova
    che mi mostra ogni volta che arrivo.
    “Guarda come luccica”, mi dice.
    Come no! risplende anche col buio.

    Ah, madre così piccola e malferma,
    che a ogni passo temo che tu cada!
    Di cosa mai vai in cerca, frugando
    in ogni angolo da mattino a sera?
    Sempre in cammino da una stanza all’altra,
    ti fermi, guardi a terra, attenta ai piedi,
    e cambi direzione, e con te stessa intanto
    parli e ragioni. M’appari sperduta
    come non fossi nella tua casa antica,
    ma in luogo estraneo. Vai barcollando
    e zoppichi poggiandoti alle sedie,
    e non hai requie, stordita e inquieta
    come una pollastrella tutta sola.

    “Solo in due siamo rimaste nel pollaio:
    io e ‘sta figlia malata e sciancatella”,
    dici, rivolta all’aria. Poi ti siedi
    sfinita, e ripeti sospirando
    che niente manca, niente, a casa tua.
    Coi soldi, poi, possiamo farci il fuoco.
    I sani se ne andarono, io ritorno
    di festa in festa, e il suo compagno
    emigrò lassù, da dove non si torna.

    Ho assistito anch’io ai cambiamenti,
    l’ostetrica, i becchini, i muratori.
    Ma ho in mente e ricordo quella casa
    com’era più di cinquantanni fa.
    Dove sono finiti quei bei mattoni
    rosseggianti, la terrazza assolata
    le travi del solaio, quegli stanzoni ?
    Sì, ora è tutto nuovo e ci son tante
    comodità; le vecchie cassepanche
    son finite da tempo giù in discarica.
    Eppure, con questi tramezzi bianchi,
    con tutti questi antri rinnovati,
    somiglia ora a un’oscuro labirinto.
    Cento sono le porte, ma non trovi
    per uscire, né porte né portoni.

    Per questo non son mai né qua né là,
    e ogni volta che parto non capisco
    da quale delle due desolazioni
    stia fuggendo. Non so più dove stare:
    se quassù con le mie pseudo-mogli
    o laggiù. Tanto, sia in questa casa
    che in quella, si muovono oscillanti
    ombre scontente, e mi van convincendo
    che sono vecchio e solo pure io.
    Neanche qui manca niente, grazie a Dio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *