3 commenti su “Petrarca

  1. PETRARCA

    Non era Laura ch’avea sempre in testa,
    ma la poesia e l’alloro sulla testa.

    Del lauro io me ne fotto, e di te pure,
    di tutte e due da me mi cimo e sfrondo.

    Sì tante le poesie che per te ho scritto,
    che presa ho pure la poesia a dispetto.

  2. Stu sdignusu poeta sicilianu
    dici ca si nni futti di l’addauru.
    ‘U vulissi cunvinciri ca sbagghia.
    Si ‘un lu voli aviri ‘n capu ‘a testa
    iu ci dugnu raggiuni: si l’azzicca
    sulu quacchi scrivanu murtacinu
    chi avi ‘i corni. Ma iddu, sicuru,
    nun avi ‘n frunti nenti ‘i cumigghiari,
    ca ‘i corni, mi pari, iddu li metti,
    scummigghiannu minni ‘a li signuri
    mentri leggi poisii supra ‘u divanu.

    Ma ‘sta chianta è cchiù nobbili assai
    di comu iddu ppi sdegnu la canta:
    ‘i fogghi di l’addauru su’ spiciali
    ppi cunzari pisci e carni fini,
    ppi lu ciauru chi rapi li purmuni
    a cu li ciara. E sparti fannu beni
    ad ‘a saluti, fannu diggiriri,
    sunu chini di ferru e vitamini,
    scanzanu di lu cancru e li duluri
    di l’ossi, e ‘un fannu nvicchiari.
    Un peri d’addauru nnô giardinu
    o nti ‘na grasticedda a lu balcuni
    ci ‘u consigghiu e, si voli, ci lu dugnu.

    Con amicizia,
    Orione

    • Amicu miu, t’arringraziu assai dû to cunsigghiu e di chistu cummentu ‘n puisia, chi oltr’a essiri ‘na tistimunianza d’attinzioni spiciali ppi sti me’ cusuzzi murritusi e nutili, è un veru divirtimentu a liggìrila; ma ‘i virtù di l’addauru ‘i canusciu. Sugnu anticchia piliusu di stommicu, e l’addauru ppi mmia è ‘a megghiu midicina. Ma di l’addauru di marmuru nun sacciu chi mi nni fari.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *