Pigghiamula accussì

Sti amuri, chi mi mangianu e m’accurzanu
‘a vita a muzzicuni, comu fussi,
‘a vita, ‘na cuddura di sasizza!
Ognuna chi m’abbrazza e poi mi lassa
si nni strazza un buttuni, mi scamuzza
‘u salami, e mi sfarda l’arma e ‘u cori.
Ma tu, puru si stai luntana, tu
‘un ‘a cunsumi, ma ccu idda crisci.
Tu vai e veni, e iu moru e arriviusciu.
Tu, cosa tinta, sì ‘a me vita stissa.

Un commento su “Pigghiamula accussì

  1. METTIAMOLA COSì

    Questi amori! Mi mangiano e accorciano
    la vita a morsi, come fosse, la vita,
    una salsiccia arrotolata! Ciascuna
    che mi abbraccia e poi mi lascia
    se ne strappa un pezzetto, scapitozza
    il salame, e mi consuma l’anima e il cuore.
    Ma tu, anche se te ne stai lontana, tu
    non la consumi, ma con quella cresci.
    Tu vai e vieni, e io muoio e rinasco.
    Tu, perfida, sei la mia vita stessa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *