Poisia di sdegnu

Ah, s’iu avissi nasciutu nni ddi tempi,
nni ddu stranu paisi unni nasciu,
quannu l’omu facia sirinati
d’amuri esaggiratu a la so amata,
e poi di sdegnu, s’idda ‘un ‘u vulìa!

“Quannu nascisti tu, stidda lucenti,
‘n terra calaru tri ancili santi”,
cantuliava me patri ppi babbìu.
“Quannu nascisti tu, castiu eternu,
ficiru festa ‘i diavuli dû nfernu”.

Ti n’avissi cantatu e ricantatu
cchiù assà di chiddi chi deci anni arreri
ti cantai e scriviu, attìa svidisa,
amanti, nica mia, fiera nimica
chi t’affruntavi d’un vecchiu dichiusu.

Ogni tantu ti ncontru, gioia mia
e mia dispirazioni e mia vrigogna;
ma iu ti canzìu e tu ‘un mi talìi.
Ti cadi ‘u nomu siddu mi saluti,
e iu m’affruntu ‘i salutari a tia.

Ma tu chi canuscisti a me fuddia,
nenti di bonu sai, nenti sapisti
di soccu sugnu? O n’haiu  corchi scagghia
di ddu minchiuni babbu e tabbaranu
chi ti cuvau com’ovu nni la pagghia?

Sugnu l’ominu stissu, o è ‘n atru fissa
chiddu chi t’ammiscava, bontà tova,
pulici e pesti nni li toi linzola?
Chi fici poi ppi miritari chistu,
d’essiri scancillatu dâ to vista?

Nun t’abbastava ‘i mi sdirraricari
di la to vita? Ah, ma nun pinsari
ch’iu t’avissi vulutu cuttuniari
‘n atri cent’anni: m’abbastava sulu
‘n surriseddu, ‘na smorfia di salutu.

Mi vonnu beni a mia li svinturati
chi ccu mia si curcaru; e chistu fattu
mi rici chi si tu la malupilu,
ca di tia sula iu fui disprizzatu,
bedda e sdignusa, cosa tinta e vili.

All’urtimata mi dicisti puru
– mi lu nzingai ntô cori e nnô cirbeddu –
“sicilianu di merda”, ppi risposta
a ‘na supprica malacunsigghiata
dô diliriu amurusu, o di l’aceddu.

Iu nun avia nsistìri, ca nun chiangi,
nun addumanna cunortu e limosina
l’omu chi è omu. L’omu distirratu
‘un ha da prijari santi comu a tia,
dû to paisi e di la to ginìa.

E si ti scrivu sta poisia di sdegnu,
l’urtima e in sicilianu, ppì babbìu,
iu ‘un arrispunnu a tia, amuri miu,
ma a lu me amuri, a tutti li so’ lagni,
a li minchiati chi ppi tia scriviu.

Un commento su “Poisia di sdegnu

  1. POESIA DI SDEGNO

    Ah, fossi nato ai tempi d’una volta,
    in quel paese strano dove nacqui,
    quando l’uomo faceva serenate
    di smisurato amore per l’amata,
    e di sdegno, se lei lo respingeva!

    “Quando nascesti tu, stella lucente,
    scesero in terra tre angeli santi”,
    canticchiava mio padre a mo’ di scherzo.
    “Quando nascesti tu, castigo eterno,
    fecero festa i diavoli all’inferno”.

    Te ne avrei cantate e ricantate
    più delle tante che, dieci anni orsono,
    scrissi e cantai per te, fredda svedese,
    amante, piccola mia, cruda nemica
    che avevi a scorno me, vecchio seccante.

    Ogni tanto t’incontro, gioia mia
    e mia disperazione, mia vergogna;
    ma io ti evito, e tu manco mi guardi.
    Perderesti l’onore a salutarmi,
    ed io di salutarti provo scorno.

    Ma tu che di me conoscesti la follia,
    niente di buono sai, niente hai saputo
    di quel ch’io sono? O ancora un poco
    mi somiglia quel minchione insensato
    che ti covò qual uovo nella paglia?

    Sono io quell’uomo, o è un altro fesso
    colui che, bontà tua, contaminava
    di pulci e pesti sue le tue lenzuola?
    Che feci mai per meritarmi questo,
    d’essere cancellato alla tua vista?

    Non ti bastava d’avermi sradicato
    dalla tua vita? Ah, ma non pensare
    che fossi intenzionato a starti appresso
    altri cent’anni: a me bastava solo
    l’abbozzo d’un sorriso, di un saluto.

    Mi voglion bene le altre sventurate
    che con me vennero a letto; e questo
    prova che sei tu la pecora nera,
    perché solo da te fui disprezzato,
    bella e altera, mala creatura vile.

    Alla fine m’hai detto addirittura
    – me lo segnai nel cuore e nel cervello –
    “siciliano di merda”, in risposta
    a una supplica inconsulta dettata
    dal delirio amoroso, o dall’uccello.

    No, non dovevo insistere: non piange,
    non elemosina conforto un uomo
    che sia uomo. L’uomo se viene bandito
    non deve pregare santi del tuo tipo,
    del tuo paese e della tua genia.

    E con questa poesia, ora, di sdegno,
    l’ultima e in siciliano, a mo’ di scherzo,
    non è a te che rispondo, amore mio,
    ma al mio amore, a tutti i suoi lamenti,
    alle minchiate che a te scrissi un tempo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *