Priparannu ‘u Natali

L’atrannu mi dicivi, riduliannu,
chi, si ci campu, quann’haiu cent’anni
e mi sduna lu senziu, forasia,
di comu sugnu e sempri haiu statu
nun si vidi nissuna diffirenza
(sempri cumprimintusa, tu, ccu mia).
Raggiuni avivi. Ma ‘un haiu a spittari
fin’a tannu, ca già vinni ‘u mumentu
di cunsignari pueta e poisii
a ‘na bedda nfirmera di trent’anni.

Ppi dìriti di comu sugnu sdatu,
avia nesciri, aieri, e nun truvavu
‘u portafogghiu. Cerca chi ti cerca,
l’avia ‘n sacchetta, ma ô chiuiri ‘a porta,
nun truvavu li chiavi; trovu ‘i chiavi
e mi manca l’ucchiali – maliditti
‘i fimmini, ‘u guvernu e ‘a malasorti.
Dopu ‘n’ura e tri quarti di riscediri
nni tutti li gnunati e di santiari,
passànnumi ‘n rivista (portafogghiu,
ucchiali, chiavi…), nun sapivu cchiui
unn’avia iri e soccu avia accattari.
M’assittai scunfurtatu nnô divanu
e mi misi a pinsari. Fussi megghiu,
pinsai, straviatu di li me’ pinseri,
lassari ‘a porta aperta e irimìnni
strati strati all’urbisca, a tambasiari
senza ucchiali e riali d’accattari.

Forsi m’avia scurdatu chi a Natali,
aguannu, ‘un haiu figghi di curdari
e arbuli e prisepi di cunzari.
‘A me famigghia si sminzau, spiriu
ccu tia ‘u me parintami – E pirchissu
mi veni quasi vogghia di scrivìriti
ppi diriti: ma basta ccu sti mussi:
facemu finta chi ‘un ci ha statu nenti
e veni cca, nni sta casa scurusa
a fari lustru. Vestiti di russu
e veni a jinchiri ‘a naca vacanti.

Propriu accussì, ppi sbàfara, scrivissi:
veni, nun ci pinsari, pigghia a machina
a falla sta sfurzata, stu piaciri:
comu li maggi, mettiti ‘n caminu,
porta ccu tia li baddi culurati,
a marinnuzza, ‘u sceccu e lu bamminu.
Si ‘un hai famigghia puru tu, si nivica
e senti friddu, si ‘a stidda cumeta
ti fa truvari ‘a strata, e ‘un hai turisti
casa casa, e ti manca autru chiffari,
si ‘un trovi puru tu soccu ti manca,
si puru tu pirdisti li me’ chiavi,
è apertu: trasi, senza tuppuliari.

5 commenti su “Priparannu ‘u Natali

  1. PREPARANDO IL NATALE

    L’altr’anno mi dicevi, ridacchiando,
    che, se ci arrivo, quando avrò cent’anni
    e sarò un mentecatto, dio non voglia,
    nessuno noterà la differenza
    tra come sono e sempre sono stato
    (al solito gentile, tu, con me).
    Ragione avevi. Ma non dovrò aspettare
    fino ad allora: è già ora il momento
    di consegnare e poeta e poesie
    a una bella infermiera di trent’anni.

    Per dirti come sono già svanito:
    dovevo uscire, ieri, e non trovavo
    il portafoglio. Cerca e ricerca,
    l’avevo in tasca, ma nel chiudere la porta,
    non trovavo le chiavi; trovo queste
    e mi mancano gli occhiali – accidenti
    alle donne, al governo e la ria sorte.
    Passata più di un’ora a rovistare
    ogni angolo riposto e ad imprecare,
    fatto infine un controllo (occhiali,
    chiavi, portafoglio…), non sapevo più
    dove dovevo andare, a comprar cosa.
    Sconfortato, mi son seduto sul divano,
    e ho preso a pensare. Meglio infine,
    ho pensato, vagando coi pensieri,
    lasciar la porta aperta e andare via
    per le strade alla cieca, a girellare
    senza occhiali e regali da comprare.

    Forse m’ero scordato che a Natale,
    quest’anno, non ho figli da far lieti
    e alberi e presepi da approntare.
    La famiglia è dimezzata, è sparita
    con te tutta la parentela – e per questo
    mi viene quasi voglia di scriverti
    per dirti: basta con questi musi:
    fingiamo che non sia successo niente,
    e vieni qua, in questa casa in ombra
    a fare luce. Vestiti di rosso
    e vieni a riempire la culla vuota.

    Proprio così ti scriverei, sfrontato:
    vieni, non ci pensare, prendi l’auto,
    fallo questo sforzo, questo favore:
    come i magi, mettiti in cammino:
    porta con te le palle colorate,
    la madonnina, l’asino e il bambino.
    Se anche tu sei senza famiglia, se
    nevica e hai freddo, se la cometa
    ti indica la strada, e non hai turisti
    in giro per la casa, e altro da fare,
    se anche tu non trovi quel che ti manca,
    se anche tu hai perduto le mie chiavi,
    qui è aperto: entra, senza bussare.

  2. Mancherebbero il bue, i pastori, il muschio… Per la neve puoi usare cotone idrofilo, borotalco, zucchero a velo e chi più ne ha… Come palle si può appendere qualsiasi cosa, per un albero di natale meno scontato. La stellina si fa con la stagnola, va bene anche quella all’interno dei pacchetti di sigarette.
    Consiglio una piacevole compagnia per il capodanno. Il Natale è la festa degli sfigati, in faniglia, puagh!
    Pesce fresco per combatere il deterioramento psichico.
    Per il 1/4 d’ora d’aria fredda e inquinata rivolgersi al piano di sotto, proprio sotto i tuoi piedi.

  3. A. Cucchiara, mi fai venire in mente un proverbio siculo: i guai dâ pignatta ‘i sa’ ‘a cucchiara chi l’arrimina. Grazie dei tuoi consigli per il presepe e l’albero, anche se non me ne avvarrò, temo.
    E se uno fosse talmente sfigato da passare sia il Natale che il Capodanno in famiglia, o, peggio, da solo?
    (Per oggi avevo finito le sigarette: spiacente)

  4. Tino, amico molto caro, la strada per via della Serenissima 12 è a senso unico.
    I magi sarebbero i benvenuti anche a mani vuote. A casa mia non mancano alberi e presepi: sono solo smontati e inscatolati. A Natale non mi mancheranno neppure i parenti canonici, ma nessuno si vesterà di rosso. Saremo tutti tristi, ognuno per i fatti propri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *