Putenza dâ poisia

Un misi o dui iu potti fari finta
di ‘un ci pinsari, d’essiri un amicu,
‘n angilu, un jaddu scugghiu e cuntenti.
Fui autista, stafferi e cammareri.
Ti cunnuciu, mi cunnucisti a fari
shopping ê munni munni, sempri appressu,
mpinnutu a tia comu ‘na bursetta,
comu un cani fideli. E tu cuntenta
ca ‘un faciamo cchiù ddi cosi tinti.
E quann’eramu suli nnâ me casa,
tu t’assittavi e iu ristavu addritta,
arrassu dô divanu. Poi, un jornu,
Iu m’assittai luntanu, all’atra punta,
‘u libro galïottu chi tu sai
ncapu ‘i dinocchi. Ti liggiu dui versi,
forsi quattru e – putenza dâ poisia!,
tu ti ncugnasti esi esi a mia.
‘U peri ncostu ô peri, lu me guvitu
a lu to pettu… M’acchianau ‘u lammicu.
Ti gattigghiai un piliddu di l’aricchia
e tu: “lassami stari, haiu famigghia,
ammògghila, chi fai!”…
‘U libru cari ‘n terra, un jitu rintra
‘u scoddu, lu me ciatu a lu to coddu,
‘na minna scummigghiata e, suspirannu,
ccu l’occhi a pampinedda – ah, chi guai! –
ti rassignasti arreri a fari dannu.

Un commento su “Putenza dâ poisia

  1. POTENZA DELLA POESIA

    Un mese o due ce la feci a fare finta
    di non pensarci, d’essere un amico,
    un angelo, un cappone soddisfatto.
    Fui autista, staffiere e cameriere.
    Io ti portai, tu mi portasti a fare
    shopping sopra e sotto, io sempre dietro,
    a te sospeso come una borsetta,
    come un cane fedele. E tu contenta
    di non far più con me le cose sporche.
    E quando eravamo soli a casa mia,
    tu ti sedevi e io restavo in piedi,
    lontano dal divano. Poi, un bel giorno,
    mi sono seduto anch’io, a distanza,
    al lato opposto, sui ginocchi il libro
    galeotto che tu sai. Ti lessi due versi,
    forse quattro, e – potenza della poesia! –
    mi sei venuta accosto piano piano.
    Piede a sfiorare piede, il gomito mio
    contro il tuo petto… E mi salì la voglia.
    Ti vellicai un peluzzo sull’orecchio,
    e tu: “Lasciami stare, dài, ho famiglia,
    smettila, su, che fai!”
    A terra il libro, un dito nello scollo,
    sul tuo collo il mio fiato,
    un seno che si scopre e, sospirando,
    tu con gli occhi socchiusi – ah, quale guaio! –
    ti rassegnasti a far di nuovo danno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *