Radichi e fogghi

Troppu tardu capiu, o matri mia,
chi lu to latti, ‘i to’ palori sunnu
pidamentu da me filusufia.
Nni l’anni dâ me foddi carusanza
iu mi smammai di li toi nsignamenti
e pinsai di pinsàrila secunnu
autri cumannamenti, autri custumi;
ca ‘i toi mi parsiru sulu gnuranza,
minchiunarìi di viddani babbiuni.

Uora sacciu ca chiddu chi nui semu
nun è soccu pinsamu sulamenti.
‘U nostru senziu cogghi ncapu ncapu
‘i sintimenti, e nun li sa capiri.
E’ comu un margiu l’anima di l’omu:
supra ci sunu troffi, arbuli, ciuri
e lippu comu niuli scurusi;
sutta c’è lu tirrenu limarrusu
chi nùtrica, a lu scuru, soccu appari.

Soccu si vidi, e puru nui videmu
di nui stissi, è ‘na fogghia cimalora:
semu virdi du’ jorna e poi caremu.
Ma li vini dû cori hannu surgenti
intra l’antichi zucchi sittirrati;
e macari iu, frunnusu di palori,
sarmentu menzu sdillucatu, sugnu
jèttitu di ‘na radica profunna
chi mi duna lu sangu e mi susteni.

3 commenti su “Radichi e fogghi

  1. RADICI E FOGLIE

    Troppo tardi ho capito, madre mia,
    che il tuo latte, le tue parole sono
    fondamento della mia filosofia.
    Negli anni della pazza giovinezza
    mi svezzai da quei tuoi insegnamenti
    e credetti di pensarla secondo
    altri comandamenti, altri costumi;
    mi parvero, i tuoi, solo ignoranza
    sciocchezze di villani primitivi.

    Adesso so che quello che noi siamo
    non è ciò che pensiamo solamente.
    La coscienza lambisce in superficie
    i sentimenti, ma non li comprende.
    È una palude l’anima dell’uomo:
    sopra ci sono giunchi, infiorescenze
    e masse di alghe come nubi brune;
    sotto c’è il terreno limaccioso
    che nutre, al buio, quanto affiora in luce.

    Ciò che si vede, e che vediamo noi,
    di noi stessi, è una foglia alta sul ramo:
    siamo verdi due giorni, e poi si cade.
    Ma le vene del cuore hanno sorgenti
    nelle antiche ceppaie sepolte in terra;
    e anch’io, così frondoso di parole,
    sarmento per metà divelto, sono
    getto di una radice molto fonda
    che mi dà il sangue e mi sostiene in vita.

    • Ti pare bella, perché bella è la tua poesia – e, vedendola nello specchio della traduzione, ti senti più libero di apprezzarla, meno personalmente coinvolto, meno insoddisfatto (che sempre si è un po’ insoddisfatti di quello che si scrive, anche quando riesce così bene come è riuscita questa – la siciliana, intendo).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *