Santa Santina

‘A zia Santina era veru santa:
di nomu je di fattu, si dicia.
Paria c’avia ‘na gumma miricana
‘n vucca, matina e sira masticannu
requimaterni gloria e avimaria.

Tinia sutta ‘u fadali ‘u scarfaturi
puru a maju e sittembri, friddulusa
comu ‘na jatta, e ‘n manu ‘dda curuna
puru quannu mangiava: ogni dui posti
‘na sucatedda d’acqua e un masticuni.

Siccomu ca non era maritata,
abbitava cu nuatri, e ci facia
‘a baria sicca ê figghi di so frati.
Pp’addurmiscìri nìcari e nunnati
nun c’era megghiu di dda litania.

Mi crisciu idda, a fauli e rusari,
chi ‘un finianu mai. Accuminzava
sempri accussi: “Ora ti cuntu ‘n cuntu:
si cunta e si ricunta…”. E cuntinuava
cu l’urfanedda e ‘u principi a cavaddu.

Ci trasivano poi, nni chisti cunti,
carusi spiddizzati e arripizzati
chi currivano menzu a li foresti
assicutati di drachi e magari.
Beati, chi putiano scappari!

Curriano comu daini e cunigghi,
satavanu sdirrubbi, scravaccavanu
ciumi e vadduni; e cu li peri scausi,
autru che stivali ‘i setti migghia:
ci abbastavanu jammi e peri boni.

Ma idda ‘un putia curriri, era offisa
di ‘na jamma; picchistu vossi Diu
chi arristau signurina. E mai lu cuntu
si cunchiudiu dû principi e ‘a pusedda.
Mai ‘na sula carizza, mai ‘n basuni.

“E poi comu finiu, zia Santina?”
Ma ‘un finiva mai, certi jurnati.
Camina e poi camina e poi camina,
c’era ‘na casa tutta sdirrubbata
e ci bbitava ‘na mammadragùna.

“E poi chi fici, si rumpì ‘a quartara
china d’aneddi e di marenghi d’oru?”
“Nònsi, jera già rutta e poi ncuddata
cu sputazza di piula nfatata”.
Ristau chiusu e di nuddu stu trisoru.

“Peccatu”, si dicianu tra d’iddi
‘I parenti e l’amici, “ca era bedda!”
E a mia, chi ci satavu nnô fadali,
mi paria ‘na riggina. “Zia Santina,
quannu diventu ranni… ” “Chi voi fari?”

Cu’ sapi si sapia chi vulia diri,
idda, chi era cchiù nnucenti ‘i mia.
A carnivali nun vulia sintiri,
e siddu li sintia ‘un li capia,
‘i nnimminagghi lordi, piccirina.

‘I signurini nenti hannu a sapiri
dû munnu e dî piccati, nni dicia;
ma tutti avemu a cridìri ô Signuri
e tutti angiuli santi addivintamu
di ddà, unni cchiù nuddu si struppìa.

4 commenti su “Santa Santina

  1. La zia Santina davvero era una santa:
    e di nome e di fatto, si diceva.
    Come avesse una gomma americana
    in bocca, tutto il giorno masticava
    requiemeterne, gloria e avemarie.

    Sotto il grembiule teneva lo scaldino
    pure a maggio o settembre, freddolosa
    come una gatta, e la corona in mano
    anche mentre mangiava: ogni due poste
    un sorsettino d’acqua ed un boccone.

    Non era sposata, e perciò abitava
    insieme con noi, occupata a fare
    da balia asciutta ai figli del fratello.
    A far dormire piccoli e neonati
    niente era meglio di quella litania.

    Lei mi ha cresciuto, a favole e rosari
    che non finivano mai. Cominciava
    sempre così: “Ora ti conto un conto:
    si conta e si riconta…” E continuava
    con l’orfanella e il principe a cavallo.

    Entravano poi in questi racconti
    bambini tutti stracci e rappezzati
    che correvano in mezzo alle foreste
    inseguiti da draghi e da masciari.
    Beati, che potevano scappare!

    Correvan come i daini ed i conigli,
    saltavan precipizi, e d’un sol balzo
    fiumare e fossi; e a piedi scalzi,
    macché stivali delle sette miglia:
    gli bastavano gambe e piedi buoni.

    Non poteva correre, lei, era storpia
    d’una gamba. Per questo volle Dio
    che restasse signorina. Mai si chiuse
    il conto del principe e la pulzella.
    Mai un bacio, mai una sola carezza.

    “E come finì poi, zia Santina?”
    Ma, in certi giorni, non finiva mai.
    Cammina e poi cammina e poi cammina,
    c’era una casa cadente in rovina
    e ci abitava una mammadragona.

    “E che accadde, si ruppe poi la giara
    piena d’anelli e di marenghi d’oro?”
    “No, già era rotta, ma incollata
    con lo sputo d’una nottola fatata.”
    Restò chiuso il tesoro e di nessuno.

    “Peccato”, si dicevano tra loro
    parenti e amici, “perché era bella!”
    E a me, che ci saltavo nel grembiale,
    pareva una regina. “Zia Santina,
    quando divento grande…” “Che vuoi fare?”

    Chissà se sapeva cosa volevo dire,
    lei, che era più innocente anche di me.
    Non voleva sentirli, a carnevale,
    e sentendoli manco li capiva,
    gli indovinelli sporchi, piccolina.

    Le signorine non devono sapere
    del mondo e dei peccati, ci diceva;
    ma tutti dobbiamo credere al Signore
    e diverremo tutti angeli santi
    là, dove non c’è più nessuno storpio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *