Scunciuru

Chi è sta vuci chi parra dintra ‘i mia?
Cu’ è? Chi vo’? E comu mi trasiu?
Cu’ la circau? Cu’ la ntirrugau?
Pirchì mi scuncica e mi cuntrarìa?
Cu’ lu nzullenta? Cu’ ci addumannau
cunsigghi e pinïoni e spiegazzioni?
È ‘n angilu strudusu, o ‘n farfareddu
malidittu? Vattìnni, tintazzioni!
Pirchì nsisti ccu sta parrata stramma,
cu stu latinu streuzu, a ricitari
‘na litania chi ‘un mi vossi nsignari?

‘Cu è stu spirtu chi mi dà cumanni
e tra mia e mia stissu metti focu?
È l’arma di me patri, o di me nannu
chi nun trova rizzettu nnê so’ lochi
e vivu mi ci voli arrizzittari?
Vattìnni, ‘un mi strubbari, ‘un mi straviari
di la mia mala strata, lassami iri
a llavancari ccu l’autri straneri.
Nun la vogghiu capiri sta parrata,
nun la vogghiu sintiri. ‘A curpa è tova
si sugnu distirratu, nudu e sulu.
Ti rrinìgu, ti cacciu, ti scunciuru.

Un commento su “Scunciuru

  1. ESORCISMO

    Cos’è questa voce che mi parla dentro?
    Chi è? Che vuole? Come s’è insinuata?
    Chi l’ha cercata? Chi l’ha interrogata?
    Perché mi molesta e contraddice?
    Chi l’importuna? Chi mai le ha richiesto
    consigli e opinioni e spiegazioni?
    È un angelo dispettoso, o un demone
    folletto? Via, arretra, tentazione!
    Perché insisti in questa lingua stramba,
    in questo latino strampalato,
    a recitare una litania che mai
    io ho voluto imparare?

    Chi è questo spirito che detta legge
    e mi mette in guerra con me stesso?
    È l’anima di mio padre, o di mio nonno
    che non trova requie nei suoi alloggi
    e vivo mi ci vorrebbe sistemare?
    Va’ via, non mi sconturbare, non sviarmi
    dalla cattiva strada, lascia che vada
    con gli altri stranieri alla malora.
    Non voglio capirla questa parlata,
    non la voglio sentire. È tua la colpa
    se mi trovo in esilio, nudo e solo.
    Ti rinnego, ti scaccio, ti esorcizzo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *