Secunnu jornu d’autunnu

Puru ‘i culleghi oggi s’addunaru
ch’avia durmutu picca, cu sta facci
jarnizza e murtacina. E, dilicati,
a sparti mi spiaru si ppi casu
ci trasiva ‘na fimmina. Ma nonzi,
nun nzirtaru, ca sugnu vaccinatu,
e ‘un m’avissi chiamari cchiù Giuanni
si ppi du’ occhi di jatta e dui minni
‘n’atra vota m’avissi a dijttari.

Ma no, ci arrispunniu, ca ‘un m’arricordu
lu ciauru, lu nomu e lu culuri
di l’occhi e di li pila. Si nun dormu
jè chi nun vogghiu mai chi veni ‘a sira
e patisciu lu canciu di stagiuni.

Un commento su “Secunnu jornu d’autunnu

  1. SECONDO GIORNO D’AUTUNNO

    L’han notato quest’oggi anche i colleghi
    che avevo dormito poco, dal viso
    strapazzato e smorto. E, i delicati,
    me l’han chiesto persino se per caso
    non c’entrasse una donna. Nossignore,
    non ci hanno preso, ch’io sono vaccinato
    e chiamarmi non dovrei più Giovanni
    se per due occhi di gatta e due zinne
    un’altra volta ci perdessi il sonno.

    Ma no, ho risposto, io manco mi ricordo
    il profumo, il nome ed il colore
    degli occhi e del pelame. Se non dormo
    è che non vorrei mai venisse sera
    e patisco il passaggio di stagione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *