Sonni

Sempri m’haiu nsunnatu di vulari.
Nni tutti li maneri: l’ali aperti
comu ‘n’acula supra li muntagni,
a zigghizagghi comu rinnuledda,
a mulineddu comu ‘n parpagghiuni.
Sacciu vulari comu munacedda
e comu passareddu, a ripigghiuni;
a volu virticali, comu ‘n razzu
ppi pirciari li negghi e li furturi;
a chiummu comu miula o farcuni,
pr’appurpari cu’ sapi chi scursuni.
Mi bastanu li vrazzi e ‘na cammisa
ppi unciarimi di ventu comu vela;
e tempu ‘i nenti di Vinezzia a Enna,
di Pariggi a Neviorca o a ‘n paradisu
Iu ci vaiu c’un sàvutu, a vuluni.

Ma poi picchì mi nsonnu, certi notti,
ca sugnu cchiù pisanti ‘i un faragghiuni,
chiantatu ‘n terra comu ‘n rucculuni,
mentri ca m’amminazza e m’assicuta
‘na mammadraga chi mi vo’ mangiari?
Cu’ è, chi è ddu basiliscu nivuru
chi mi jela li jammi e ciunca l’ali?

4 commenti su “Sonni

  1. SOGNI

    Ho sempre sognato di volare.
    In tutti i modi: ad ali dispiegate
    come un’aquila alta sulle cime,
    a zigzag come una rondinella,
    a cerchi stretti come una falena.
    So volare come una monachella
    e come un passerotto a balzi lievi;
    come un razzo in volo verticale
    per forare le nebbie e le tormente;
    in picchiata come un nibbio o un falco
    per artigliare chi sa quale biscia.
    Mi bastano le braccia e una camicia
    per gonfiarmi di vento come vela;
    in men che niente da Venezia a Enna,
    da Parigi a NewYork o in paradiso,
    ci arrivo con un balzo, in un sol volo.

    Ma perché poi sogno, in certe notti,
    d’esser pesante come un faraglione,
    come un macigno conficcato in terra,
    mentre mi viene contro e mi minaccia
    di divorarmi una mammadraga?
    Chi, che cosa è quel basilisco nero
    che mi gela le gambe e mozza le ali?

  2. Questa “mammadraga” è una specie di Baba Jaga, suppongo.
    Una draghessa buia e informe, un po’ come la madre di Grendel nel Beowulf…

  3. ‘A mammadraga havi a essiri ‘na speci ê buffa giganti chi mangia i carusi comu fussiru puddicini.

    Pinsannu â buffa, haiu scrivutu stu cunsigghiu:

    ‘Un hai a cririri a soccu dicìa
    a favula, ca siddu vasi ‘a buffa
    idda si cangia e t’addiventa fina
    comu ‘a figghia dô re e dâ riggina.
    ‘Un è sulu ca resta tali e quali,
    ma puru ca t’abbrucia li labbruzzi.
    Chidda, ‘a buffa, ‘un ni voli ‘i vasuni
    d’i beddi carusi comu a ttia:
    voli ca ci suchi ‘i pustidduni
    ‘u peggiu rospu vilinusu e tintu .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *