Stiddi e griddi

Ah, griddi mei, vuci di l’aria pura,
ciatu di li purmuna di la notti,
mantici chi mi sciuscia rintra ‘u cori
e lu fa ranni e leggiu a lu so volo:
quntu v’haiu disiatu tuttu l’annu!

Qunt’è largu ddu bagghiu, quant’è funna
dda gebbia china ‘i stiddi ncapu ô ficu.
E ogni stidda ‘na stizza di ‘un mari
ch’un avi fini; pp’ogni stidda e munnu
un griddu sona ‘u so strumentu anticu.

Ah stiddi, stidda mia chi mi purtasti
unni lu cielo è trubbulu e luntanu!
Facisti ‘i mia un griddu e mi lassasti
sulu a cantari, a fari sirinati
ê lampiuna nta negghia vinizziana.

Un commento su “Stiddi e griddi

  1. Seconda versione:

    Ah, grilli miei, voci dell’aria pura,
    fiato dei polmoni della notte,
    mantice che mi soffia dentro il cuore
    e lo fa grande e lieve al volo:
    quanto vi ho sospirato tutto l’anno!

    Quanto è larga quell’aia, quanto è fonda
    quella vasca piena di stelle sopra il fico.
    E ogni stella una goccia d’un mare
    senza fine; per ogni stella e mondo
    un grillo suona il suo strumento antico.

    Ah stelle, stella mia che mi hai portato
    là dove il cielo è offuscato e lontano!
    Di me facesti un grillo e mi hai lasciato
    a cantare da solo, a fare serenate
    ai lampioni nella nebbia veneziana.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *