Sunnacchia

Ah com’è longa sabbatu e duminica
l’arrisbigghiata! Durmiu quinnici uri
e haiu ‘u senziu annigghiatu, mentri fora
‘u cielu e limpiu e ‘u suli a menzujornu.
L’amica mia è tutta nchiffarata,
rapi armari e casciuna, pummunìa,
sbatti pignatti, cazzalori e piatti.
Iu cu ‘n occhiu taliu, cu l’autru dormu.
“Guarda”, mi rici, “che è quasi pronto.”
“‘U cafè?”, fazzu io. “No, gli spaghetti.”

Dopu mangiatu m’abbiu stisu arreri
e ‘un sacciu chi mangiaiu e chi biviu.
“Mettiti arrassu”, ci dicu â signura,
chi mi pigghiau ppi jazzu, “vogghiu dòrmiri
finu a stasira. Lèggiti ‘n romanzu,
adduma ‘a radiu o ‘a televisioni.
Arrisbìgghiami sulu si succeri
cocchi cosa di bruttu, dinniscanzi;
pr’esempiu, chi ppi raggia si vunchiau
comu ‘na buffa lorda nnâ limarra
e ci scattau lu ficatu e lu cori
e fici mala morti Berlusconi.”

5 commenti su “Sunnacchia

  1. Di sabato e domenica, ah, com’è lento
    il risveglio! Ho dormito quindici ore
    e ho i sensi annebbiati, mentre fuori
    il cielo è terso e il sole a mezzogiorno.
    La mia amica è tutta indaffarata,
    apre stipi e cassetti brontolando,
    sbatte pentole, casseruole e piatti.
    Io con un occhio guardo e con l’altro dormo.
    “Bada”, mi dice, “ch’è quasi pronto.”
    “Il caffè?” faccio io. “No, gli spaghetti.”

    Dopo pranzo mi son steso daccapo
    e manco so che cosa mi mangiai .
    “Fatti più in là” dico alla signora,
    che m’aveva preso per giaciglio, “voglio
    dormire fino a questa sera. Leggiti
    un romanzo, accendi la radio o la tivvù.
    Svegliami solo se dovesse accadere,
    Dio ne scampi, un fatto impressionante;
    per esempio che si gonfiò di rabbia
    come un rospo schifoso dentro il fango
    e gli scoppiò il fegato col cuore
    e trovò mala morte Berlusconi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *