Tri fimmini

Tri fimmini vulissi nnâ me casa,
una pp’ognunu di li tri misteri
chi ‘un sacciu fari, o ch’haiu cchiù piaciri
di ‘un ‘i fari sempri sulitariu:
una ppi cucinari, e iu facissi
lu sguattiru e l’aiutu cucineri;
una ppi chiddu chi si fa curcati
senza patruni e sutta e cammareri;
terza, mpurtanti comu l’autri dui,
assignata a li grasti dû balcuni.
E si sti tri poi fussiru una sula,
tri voti sperta e ppi tri vota amata,
sparagnassimu sciarri, ogghiu e sapuni.

Ora chi speddi ‘u tempu di l’amuri,
ci dugnu cchiù mpurtanza a ddi tri cosi;
e speciarmenti, comu scrissi un pueta,
ora si sapi chi cos’è ‘na rosa.
Ma è cchiù difficili addivari ciuri
ca figghi e puddicini, usava diri
me nanna, chi figghioli n’appi deci,
puddastri e jaddi milli voti deci
e galofari e rosi ‘un sacciu quanti.
Ah, siddu fussi sempri primavera!
Ma ci sunu stagiuni chi li jelanu
e autri chi l’abbrucianu, li chianti.

Un commento su “Tri fimmini

  1. TRE DONNE

    Tre donne vorrei avere nella casa,
    una per ognuna delle tre faccende
    che non so fare, o che preferirei
    non fossero mie azioni solitarie:
    una sarebbe eletta alla cucina,
    e le farei da sguattero e aiutante:
    una a ciò che si fa tra le lenzuola
    senza padroni e dipendenti e servi;
    la terza, pari all’altre in importanza,
    attenderebbe ai vasi del balcone.
    Se poi le tre fossero una sola,
    capace come tre, come tre amata,
    risparmieremmo liti, olio e sapone.

    Ora che passa il tempo dell’amore,
    dò più valore a tutte e tre le cose,
    e soprattutto, come scrisse un poeta,
    che cosa sia una rosa ora si sa.
    È più difficile crescere fiori
    che pulcini e figli, usava dire
    mia nonna, che di figli ne ebbe dieci,
    pollastri e galli mille volte tanti,
    e garofani e rose non so quanti.
    Ah, se fosse sempre primavera!
    Ma ci sono stagioni che le gelano
    e altre che le bruciano, le piante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *