‘A turnata

Ciau, mi nni vaiu, tornu arreri, addiu.
Partu ppi d’unni senza ‘i tia partiu.
Sulu m’arricugghìu a chisti banni
e sulu mi nni tornu.
Poi ripartu, pò jèssiri, e ‘a rivata
putissi essiri ncurtu chista vota;
pirchì, di tannu, haiu ‘u duppiu d’anni.

Avi di quannu scrivu ‘n sicilianu
chi già staiu viaggiannu. Si voi tu
mi poi ven’a truvari, prufitannu
d’u scontu ppi l’anziani, si ppi casu
restu ddà e di mia nni trovi rastu:
ti fai quinnici jorna e ti nni torni.
Pirchì? Pirchì nun vogghiu stari cchiù
unni sì tu o unni nun ci sì.

Un commento su “‘A turnata

  1. IL RITORNO

    Ciao, me ne vado, torno indietro, addio.
    Parto per donde senza di te partii.
    Solo venni a stare in queste lande
    e solo me ne torno.
    Poi me ne andrò ancora forse, e l’approdo
    potrebbe essere a breve questa volta;
    perché di anni ne ho il doppio d’allora.

    È da che sto scrivendo in siciliano
    che mi sono messo in viaggio. Se vuoi
    puoi venirmi a trovare, approfittando
    dello sconto per gli anziani, nel caso
    ch’io sia ancora là e di me trovi traccia:
    ti fermi quindici giorni e te ne torni.
    Perché? Perché non voglio più vivere
    dove ci sei tu o dove non ci sei.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *