‘U garigghiu

Ci vulissi ‘na musa, ‘na carusa,
ppi quadiàrici ‘u sangu a sti palori.
Cangiari peddi e nomi di li cosi
nun basta, ci vulissi ‘n atru amuri.

A mumenti mi pari ca sta lingua
sapi pirciari comu ‘na virrina
a curazza di sdegnu e malamuri
chi accupa la me tennira curina;

ma poi sentu ca ogni nova fogghia,
ogni poisia, è ‘na nova guaiàna
zurrigna supra l’intimu garigghiu
spirutu e nsiccumatu nnâ so tana.

Un commento su “‘U garigghiu

  1. IL GHERIGLIO

    Ci vorrebbe una musa, una ragazza,
    per riscaldare il sangue alle parole.
    Cambiare alle cose pelle e nome
    non basta, ci vorrebbe un altro amore.

    A tratti sembra che questa lingua
    come una punta sappia trapanare
    la corazza di tedio e malumore
    che opprime il tenerume del mio cespo;

    poi m’accorgo che ogni nuova foglia,
    ogni poesia, non è che nuova scorza
    che s’indura sul gheriglio sparuto
    rinsecchito all’interno della tana.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *