un versu

Staiu circannu un pinseri, unu sulu
diversu ‘i chiddi chi mi parpaddìanu
nta stu miu ciricòppulu, a lu scuru
comu tanti niuri rattavòli
dintra ‘na grutta. Mi bastassi un versu
d’unnici sillabi, o macari deci.
Chiaru ‘u vulissi, comu sta jurnata
di suli nni l’autunnu chiuviddiùsu.
Un versu, ‘a cuminzagghia sulamenti,
puru si fussi fauzu e cuntenti
comu dda signurina menza nuda
chi mi ridi smurfiusa e galimena
di la tilivisioni.

Un commento su “un versu

  1. UN VERSO

    Sto cercando un pensiero, uno soltanto
    differente da quelli che mi vanno
    svolazzando qui nella capoccia,
    al buio come neri pipistrelli
    dentro una grotta. Basterebbe un verso
    di undici sillabe, o anche di dieci.
    Chiaro lo vorrei, come questo giorno
    di sereno nell’autunno piovoso.
    Un verso, un avvio solamente,
    fosse pure insincero e gioioso
    come la signorina mezza nuda
    che vezzosa e civetta mi sorride
    dalla televisione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *