Durmuti

Ah, si comu lu rizzu nnà nvirnata
putissi addivintari ‘na baddozza,
ppi dòrmiri a lu scuru sti tri misi
e arrisbigghiarimi poi cu li ciuri.
Li spini l’haiu già, rintra e di fora.
Ma sulu cca, â casa di me matri,
nni stu ventri sicuru, nta sta grutta,
sti durmuti mi ponnu arriniscìri.
Haiu a turnari â me solita vita,
prima ca torna aprili. Aria e suli
ci vonnu ppâ firita.

Un commento su “Durmuti

  1. DORMITE

    Ah, se come un riccio nell’inverno
    potessi avvotolarmi come palla,
    e dormire nel buio questi tre mesi
    per risvegliarmi poi insieme coi fiori.
    Le spine già le ho, dentro e anche fuori.
    Ma solo qui, a casa di mia madre,
    in questo ventre sicuro, in questo antro,
    posso riuscire a farmi ‘ste dormite.
    Dovrò tornare alla solita mia vita,
    prima che torni aprile. Aria e sole
    ci vogliono a guarire la ferita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *