L’omu sminzatu

Caminu comu prima, bacabunnu
ppi boschi e lochi novi, scanusciuti
puru cca, ô me paisi,
ccu dda mia bursittedda
mpinnuta â spadda, o ccu ‘a solita mia
machina fotografica; caminu,
spostu stu pisiceddu a dritta e a manca
e pari ca ogni musca chi si posa
mi fastidìa, mi pisa, mi sbalanza.
ca sugnu zoppu e sciancatu, mi pari,
ca mi manca ‘na jamma, ‘n occhiu e un vrazzu,
e ca puru di l’ummira mia nisciula
nni manca ‘n pezzu.
Avia dui dicini d’anni e menza
ca, comu jeri jeri,
zita o mugghieri o spartuta e sciarriata,
mi caminavi a ciancu.

Un commento su “L’omu sminzatu

  1. L’UOMO DIMEZZATO

    Cammino come prima, vado in giro
    per boschi e posti nuovi, sconosciuti
    anche qui, al mio paese,
    con questo mio borsello
    sospeso alla spalla, o con la solita
    macchina fotografica; cammino,
    sposto da un lato all’altro il lieve peso
    e pare che ogni mosca che si posi
    mi disturbi, mi pesi, mi sbilanci.
    D’essere zoppo e sciancato, mi pare,
    che mi manchi una gamba, un occhio, un braccio,
    e che persino alla mia ombra affusolata
    manchi qualche porzione.
    Erano più di due decine d’anni
    che, comunque tu fossi,
    fidanzata o moglie o in lite e separata,
    mi camminavi al fianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *